Il cuore artificiale ha un problema: nuovo "miracolo" dei medici dell'ospedale di Perugia

Paziente salvato con una tecnica innovativa e mai vista prima. Ecco come hanno operato i medici del Santa Maria della Misericordia

Un nuovo miracolo dei medici dell'ospedale Santa Maria della Misericordia di Perugia. Franco T. è  un pensionato perugino di 65 anni, che fra due mesi festeggerà il secondo anniversario da quando gli è stato applicato un cuore artificiale. Nei primi giorni del 2017, però, il sofisticato apparecchio ha avuto dei problemi.  “A metà di gennaio di quest’anno- è   Franco  che racconta , dopo l’ultimo controllo effettuato dai sanitari del Santa Maria della Misericordia-  mi sono svegliato dal sonnellino pomeridiano ed ho sentito che l’apparecchio emetteva un suono strano. In ospedale i medici hanno subito confermato che si  trattava di un coagulo che impediva alla turbina di pompare correttamente”.

In letteratura simili complicanze sono ricorrenti e vengono proposte due soluzioni: quella della sostituzione dell’apparecchio, in pratica un nuovo intervento cardiochirurgico, come spiega in una nota dell’ufficio stampa dell’Azienda Ospedaliera di Perugia il professore Temistocle Ragni -, oppure una terapia endovenosa per sciogliere il coagulo, con elevate possibilità di complicazioni emorragiche.

“Grazie alla attività di professionisti di più discipline (Cardiochirurgia, Cardioanestesia, Cardiologia emodinamica e Medicina interna e vascolare ) - aggiunge il professor Ragni-  è  stata tentata una terza soluzione, valutata al momento con una  probabilità più alta di  rimuovere il trombo che si era formato. Si è trattato di una tecnica innovativa, mai adottata in situazioni analoghe , è stato iniettato  un farmaco trombolitico  direttamente nel ventricolo, e specificatamente nella stessa turbina , con  l’aiuto di un  catetere”.

La tecnica  messa a punto  dal gruppo multidisciplinare coordinato dal dottor Isidoro Di Bella, ha così  permesso al  cuore artificiale di riprendere tutte le sue funzioni. “In questo fase di convalescenza , mi  sottopongo ai  controlli  ogni dieci giorni ; la situazione è tornata come quella prima della crisi . Appena dimesso  - racconta il paziente - ho ripreso a passeggiare in compagnia  del mio cane. I motori hanno scandito gli anni della mia vita lavorativa, più di  40  a guidare  camion e autobus ; la tecnologia  mi hanno regalato gioie e dolori, vista la fatica accumulata, ma ora proprio un motore mi ha fatto tornare a nuova vita".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Umbria Jazz, colpo di scena: l'annuncio ufficiale, progetto per quattro concerti ad agosto

  • Ad Umbertide apre un nuovo supermercato: 450 mq e una linea di prodotti tutta made in Umbria

  • Piante antizanzare da coltivare sul balcone o in giardino

  • Coronavirus, bollettino regionale del 31 maggio 2020: zero contagi, 17 le persone ricoverate

  • Umbria, il pitbull morde una persona in fila alla tabaccheria: la padrona fa finta di niente e se ne va, denunciata

  • Covid-19, quattro positivi asintomatici da Brunello Cucinelli: "L'isolamento ha evitato la trasmissione del virus"

Torna su
PerugiaToday è in caricamento