Esami veloci e liste di attesa "umane": c'è la svolta, più medici e orari rivoluzionati

L'annuncio del nuovo piano è stato dato direttamente dal nuovo direttore generale dell'azienda ospedaliera di Perugia, Duca. Ecco la rivoluzione per rispettare i tempi e garantire la salute dei cittadini

La svolta, per arginare i tempi di attesa per chi deve sottoporsi ad un esame medico, è prevista per maggio prossimo. L'obiettivo è quello di abbattere le liste di attesa all'Ospedale Santa Maria della Misericordia ampliando gli orari tradizionali degli ambulatori: l'orario del pomeriggio sarà prolungato fino alle 22 della sera e inoltre saranno aperti il sabato sia mattina che e pomeriggio. La direzione dell'Ospedale si riserva anche aperture straordinarie la domenica mattina qualora ce ne sia una reale esigenza.  ove necessario, la domenica mattina.   

Per far fronte ad una copertura quasi sette giorni su sette sono stati messi a bilancio per il piano “anti-liste di attesa” 90mila euro per il personale coinvolto appartenente all’area del Comparto, 120mila euro per il personale coinvolto ed appartenente alla Area della Dirigenza Medica”. In più si è stabilito di avvalersi di  contratti a progetto per giovani medici specialisti nelle strutture in cui la dotazione del personale medico non riesca  a garantire prestazioni specialistiche ambulatoriali aggiuntive.

“Con il rilancio del piano di abbattimento delle liste di attesa - ha sottolineato il direttore generale Duca - l’Azienda Ospedaliera di Perugia si propone di continuare l’adeguamento dell’offerta delle prestazioni  oggetto di monitoraggio regionale (14 visite specialistiche e 27 prestazioni di diagnostica strumentale) per garantire il rispetto dei tempi di attesa previsti per le prestazioni non sottoposte a RAO (30 giorni per le prime visite specialistiche e 60 giorni per i primi esami di diagnostica strumentale) e di quelli indicati dalla classe di priorità RAO (U entro 3 giorni, B entro 10 giorni e D entro 30 giorni)".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Questo il programma - che potrà essere consultato con accesso al sito www.ospedaleperugia.it - dell’offerta delle prestazioni nelle area di maggiore criticità, per circa 90 ore settimanali, come di seguito specificato: Visita endocrinologica; Visita chirurgica vascolare; Visita gastroenterologia, gastroscopia e colonscopia (RAO); Esami strumentali oculistica (OCT, campo visivo); Eco-colordoppler arterioso e venoso (RAO); Ecografia addome (RAO); Ecografia tiroide; Ecografia ginecologica transvaginale; Ecocardiografia pediatrica; Esame senologico completo (1° accesso); RM body senza e con mezzo di contrasto; RM cranio e rachide (RAO); TC body senza e con contrasto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Doveva restare in quarantena, ma un camionista ha continuato a lavorare: poi il malore, era positivo al coronavirus

  • Coronavirus, la mappa del contagio in Umbria al 3 aprile: tutti i dati per comune

  • Coronavirus Umbria, il bollettino del 7 aprile: frenano ancora i contagi, sei nuovi decessi

  • Battuta di pesca illegale nelle acque del Trasimeno: sorpresi con 150 chili di carpe e multati per 4mila euro

  • Coronavirus, altre due vittime in Umbria: lutto a Perugia e Castiglione del Lago

  • Coronavirus, bollettino Umbria del 5 aprile: su 550 tamponi 29 contagiati, 300 tra guariti e quelli senza più sintomi

Torna su
PerugiaToday è in caricamento