L'allarme: “Gravissima situazione di Radiologia all'Ospedale di Perugia”

Il segretario generale della Federazione Umbra Cisl Medici-Dirigenti Sanitari, Tullo Ostilio Moschini, è INTERVENUTO sulla grave situazione del reparto di Radiologia all'Ospedale di Perugia

"La Federazione Umbra Cisl Medici-Dirigenti Sanitari chiede formalmente all'Assessorato alla Salute di intervenire sulla grave situazione del servizio di Radiologia dell'Azienda Ospedaliera di Perugia". Questa la richiesta del segretario generale Tullo Ostilio Moschini che pone l'accetto sulle difficoltà del servizio, al momento garantito da un numero estremamente ridotto di professionisti, gravati peraltro da un moltiplicarsi di esami diagnostici e procedure interventistiche. 

"Solo al reparto di Radiologia 2 mancano nove professionisti non reintegrati. In particolare - aggiunge Moschini - le numerose prestazioni richieste dal Pronto Soccorso hanno generato una sofferenza in relazione alla disponibilità di due soli radiologi per i turni diurni (due al mattino, due al pomeriggio). E non basta più un solo radiologo nel turno di notte dalle 20 alle 8 della mattina. Il Pronto Soccorso è ormai un ambulatorio gratuito con 40-50 pazienti tra Rx, ecografie, TC ed inoltre, essendo un ospedale di II livello, si rende necessario un congruo numero di radiologi anche per espletare i servizi di alta specialità. Chiediamo di sostenere l'attuale Commissario e la Dirigenza per risolvere il problema dell'arruolamento del personale".

Il sindacato chiede che venga indetto un concorso a tempo indeterminato per la copertura delle esigenze, in particolare emergenza-urgenza. "I concorsi possono essere espletati benissimo con la normativa vigente dato che l'Italia è l'unico paese al mondo che arruola i medici per concorso. In tutti gli altri paesi i medici sono arruolati tramite curriculum, referenze scritte e colloquio, contratto a termine ed a conferma. Una domanda al concorso non risposta correttamente, non pesa la reale capacità del professionista. Da noi tanti, troppi medici lavorano per anni a tempo determinato in attesa di 'azzeccare' la prova del concorso a tempo indeterminato, così migliaia se ne vanno all'estero. La Regione Umbria bene ha fatto ad applicare la Legge Madia per la stabilizzazione, ma tale Legge ha risolto una parte del problema. Allo stesso modo la nostra Regione deve completare la stabilizzazione dei Dirigenti Sanitari".

"Tutte le proposte e le richieste - ha concluso Tullo Ostilio Moschini - hanno come finalità solo ed esclusivamente il bene comune dei cittadini, dei pazienti e degli operatori. In questa ottica la Federazione Umbra Cisl Medici-Dirigenti Sanitari ha svolto e continuerà a svolgere un'azione sindacale di analisi, proposta, promozione e di 'critica sollecitazione' su questioni generali che riguardano l'assetto complessivo del Sistema Sanitario, ma anche su tutte quelle problematiche urgenti o comunque gravate da criticità".

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il Senato assume personale, il concorso: primo stipendio da 1.726 euro al mese

  • Elezioni regionali, nuovo sondaggio sull'Umbria: Tesei avanti su Bianconi, la forbice e il numero degli indecisi

  • La Cena degli Sconosciuti arriva a Perugia: come funziona

  • Quando Cicciolina girava per il centro di Perugia mostrando le sue grazie ai passanti

  • Scontro tra auto e camion sulla E45, automobilista salvo per miracolo: mezzo distrutto

  • Tragedia nel bosco, muore cacciatore: inutili i soccorsi

Torna su
PerugiaToday è in caricamento