Super medico in arrivo: l'ospedale di Perugia dà il benvenuto al nuovo direttore del Pronto Soccorso

Paolo Groff, 53 anni, laurea e specializzazione conseguite  presso l’Università di Bologna, nominato  direttore responsabile del Pronto Soccorso dell’Azienda Ospedaliera di Perugia

Paolo Groff, 53 anni, laurea e specializzazione conseguite  presso l’Università di Bologna, nominato  direttore  responsabile del Pronto Soccorso dell’Azienda Ospedaliera di Perugia, si è insediato nella funzione questa mattina, lunedì 15 gennaio.

Il Dr. Groff, che ha  lavorato da sempre  in strutture di urgenza emergenza, dapprima presso l’Ospedale Maggiore di Parma , successivamente presso l’Ospedale Policlinico S. Orsola- Malpighi di Bologna ed infine dal 2007 al 31 dicembre del 2017 ha ricoperto  la carica di direttore del pronto soccorso dell’ospedale Civile Madonna del Soccorso di S. Benedetto del Tronto, ha già programmato nei prossimi giorni un incontro con i direttori delle strutture complesse del S. Maria della Misericordia.

Sono stati il direttore generale Emilio Duca e il direttore sanitario Diamante Pacchiarini a presentarlo al personale della struttura  per il saluto di benvenuto. Il dg  Duca  nel ricordare l’attività assistenziale svolta dal  pronto soccorso – 160/170 accessi giornalieri, di cui il 18 % circa di codici gialli, 68%  di codici verdi, e una media di ricoveri giornalieri di circa  50 pazienti-  ha illustrato l’attuale quadro organizzativo, auspicando “una necessaria  armonizzazione  della attività assistenziale” ed indicato  i tempi di  utilizzo degli  spazi  prima occupati da aree diagnostiche.

“Non nascondo che le aspettative sull’apporto del Dr. Groff  sono alte –ha sottolineato il dg-, ed è  per questo che chiedo alla squadra di medici e personale infermieristico di  compattarsi attorno al nuovo responsabile per centrare quegli obbiettivi che saranno  progressivamente ottenuti nel tempo”.  

A comprendere  i sentimenti provati dal Groff nel giorno del suo insediamento, il dr. Pacchiarini:  “Credo  siano gli stessi  di   quando,  qualche lustro fa , iniziai l’attività  di direttore sanitario all’ospedale S. Camillo di Roma. Il mio auspicio che  anche lui possa  ricevere la stessa accoglienza.” Al  nuovo direttore , come riferisce una nota dell'ufficio stampa- hanno assicurato la massima collaborazione i responsabili  della centrale operativa del  118 regionale Dr. Francesco  Borgognoni e del Dipartimento delle professioni sanitarie, dott.ssa Gabriella Carnio, presenti all’incontro con il personale sanitario, medici ed infermieri del pronto soccorso.

Il Dr. Groff   non ha nascosto di “ provare le stesse emozioni del primo giorno di scuola, in rapporto alle legittime aspettative della direzione dell’ospedale che rappresenta poi quelle del cittadino/ paziente, che sono centrali al sistema di assistenza”. Il neo direttore si è anche soffermato sulla necessità di voler  “alimentare costantemente le motivazioni del personale per una attività molto faticosa, con una componente di stress elevata”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per ottenere i risultati auspicati Groff si è  dichiarato “assolutamente disponibile all’ascolto di soluzioni di lavoro, anche  per allontanare l’angoscia che ogni medico che opera in pronto soccorso prova quando è chiamato a procedere al trasferimento del paziente in una unità di degenza”. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, la mappa del contagio in Umbria all'1 aprile: tutti i casi per comune di residenza

  • Coronavirus, due persone in mezzo alla strada tirano calci alle auto: ma uno dei due finisce al "tappeto" (le foto)

  • Doveva restare in quarantena, ma un camionista ha continuato a lavorare: poi il malore, era positivo al coronavirus

  • Coronavirus, la mappa del contagio in Umbria al 3 aprile: tutti i dati per comune

  • Coronavirus, bollettino regionale Umbria 31 marzo: rallenta il contagio, aumenta invece il numero dei guariti

  • Coronavirus, il bollettino in Umbria 2 aprile. Altri segnali positivi: aumentano i guariti e 4mila fuori dall'isolamento, contagiati di nuovo in calo

Torna su
PerugiaToday è in caricamento