La toccante lettera della campionessa: "I medici di Perugia mi hanno restituito la voglia di vivere"

Il ringraziamento di Monica Priore: "Ho il diabete di tipo 1, ma un giorno sono approdata a Perugia..."

“Sono Monica Priore e, probabilmente il mio nome non dice nulla, anche se il mio nome è apparso più volte sulle cronache nazionali , identificata come la “nuotatrice diabetica”. Questa la lettera che una giovane donna della provincia di Brindisi ha scritto alla direzione dell'Azienda Ospedaliera di Perugia, con richiesta di diffonderla. “Posso raccontare una storia di malattia, di sport e di vita, e spero di non rattristare nessuno, visto che il mio obbiettivo è ben diverso”, prosegue Monica.

“Malattia, gran brutta parola, che deprimerebbe, ma quando a soli 5 anni di età ti viene diagnosticata una patologia cronica come il diabete mellito di tipo 1, cosa si fa? Ti lamenti a vita e passi la tua esistenza in perenne depressione? O cerchi una soluzione che ti permetta di vivere e non di sopravvivere? In uno dei miei tanti viaggi della speranza, li chiamo così perché sono andata in giro per anni alla ricerca di un diabetologo , sono approdata a Perugia dove ho incontrato uno scienziato di fama internazionale, il professor Geremia Bolli. Non è stata la sua notorietà a colpirmi, quanto il suo operato: sono di natura diffidente ed ho una personalità complessa, per arrivare a conquistare la mia stima non è semplice. Ma il "Prof", io lo chiamo così, ci è riuscito, con la sua competenza, la sua umanità ed umiltà. Grazie a lui ho potuto perfezionare le mie conoscenze sul diabete, abbiamo provato varie strade per stabilizzare le mie glicemie e direi che la perseveranza è stata premiata”.

“Questo incontro – racconta Monica - è stato uno dei momenti catartici della mia vita, che mi ha permesso di essere quella che sono oggi, una persona che lotta ogni giorno per vivere e non sopravvivere. Una volta accresciuta la mia voglia di reagire al diabete, ho iniziato a lottare utilizzando lo sport come mezzo; amo nuotare essendo una pugliese doc, e non poteva essere diversamente. Mi sono servita proprio del nuoto per lanciare messaggi di speranza ai ragazzi diabetici ed alle loro famiglie e per creare un po’ di informazione su questa patologia, che molto spesso viene confusa con il diabete di tipo 2. Gareggio nel circuito nuoto master F.I.N. e devo dire che mi sono presa diverse soddisfazioni. Proprio dieci anni fa,  Il 21 luglio 2007, ho attraversato a nuoto lo stretto di Messina. Ho potuto gridare al mondo intero: ‘sono DIABETICA ma ci provo, basta volerlo!’. Sono stata la prima diabetica di tipo 1 in Europa a realizzare quel tipo di impresa”.

“Una altra impresa “storica” – racconta sempre Monica -  l’ho realizzata il 4 settembre 2010, quando ho percorso a nuoto i ventuno chilometri che separano Capri da Meta di Sorrento nel golfo di Napoli. Nell’estate 2015, da Giugno ad Agosto ho portato a termine la mia ennesima sfida, che mi ha portata a girare in camper tutte le regioni Italiane per promuovere l’importanza dell’attività fisica e per far conoscere il diabete a chi lo ignora, con il tour intitolato “Volando sulle Onde della Vita”, 22 tappe, 7650 km percorsi in camper, 60 km di nuotata.  Il 13 Novembre 2016 sono stata insignita del titolo di Cavaliere dell’ordine al Merito della Repubblica Italiana dal Presidente Mattarella “Per la testimonianza dell’importante contributo dello sport nel superamento dei limiti derivanti dalla malattia”.

"Ma dopo tate imprese- prosegue la lettera - quest'anno sono stata costretta a fermarmi, per altri  seri problemi di salute che mi impedivano di allenarmi, ero disperata perché avevo un altro progetto in cantiere che si intitola DOLCE MARE, una nuotata in mare con i ragazzini diabetici pugliesi, per la prima volta in Italia si sarebbe visto un evento del genere. Continui esami clinici e visite mediche, senza però mai trovare una soluzione definitiva al  mio problema. Ero avvilita, credevo di dover rinunciare al progetto , quando ho incontrato un altro medico di Perugia mentre ero sempre più barcollante. Il dottor  Saverio Arena mi ha rasserenata e mi ha assicurato che dopo l'intervento chirurgico cui sarei stata sottoposta , sarei  tornata  a nuotare. Sono stata dimessa qualche settimana fa ed ora posso dirlo : il prossimo 22 Luglio, dopo un anno di inattività, scenderò nuovamente in acqua, questa volta affiancata da altri giovani diabetici, per far vedere che siamo tanti e che purtroppo questa patologia sta aumentando sempre più. A fine traversata il mio primo pensiero andrà sicuramente  al professor Bolli ed al dottor  Arena, che mi hanno permesso di portare avanti i miei sogni ed i miei progetti, continuando a lottare per tutti i diabetici di tipo 1, presenti in Italia. La vita è un dono e va vissuto al massimo delle nostre potenzialità, qualunque siano. Non potevo fermarmi e l'ospedale  di Perugia mi ha restituito la voglia di vivere, di fare sport. Grazie Perugia!”. 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Violenti raid con spray urticante e pistole, così hanno terrorizzato mezza Perugia: rapinatori arrestati

  • Cronaca

    Pretende i soldi, ferisce i genitori con un coltello e spacca l'auto di famiglia a bastonate

  • Cronaca

    Scoppia rissa tra commercianti in centro durante Umbria Jazz: quattro condanne

  • Cronaca

    Finti terremotati, beccati gli 'sciacalli' del contributo: denunciati per truffa

I più letti della settimana

  • Umbria, arriva la neve: allerta meteo della Protezione Civile

  • La Neve è arrivata: tetti e prati imbiancati in mezza Umbria, tanto freddo e rallentamenti sulle strade: la mappa delle città

  • Sottoposta a un delicato intervento, la commovente storia di Giulia: "Professionalità e umanità, grazie a tutti"

  • Umbria Jazz 2019, colpo grosso: a Perugia arrivano i King Crimson

  • Tragico incidente, investito da un autocarro lungo la strada: muore 30enne

  • Università di Perugia, una tesi di laurea da applausi: premiato il dottor Roberto Scarselletta

Torna su
PerugiaToday è in caricamento