Ospedale, due nuovi letti "intelligenti": il dono della famiglia di un paziente

I due letti speciali sono il frutto di una raccolta fondi effettuata dalla famiglia Bianchini in occasione della presentazione di un libro autobiografico del fondatore dell’omonima azienda, ubicata nella frazione di Promano, che produce infissi, commercializzati in tutta Europa

Due letti di degenza di  ultima generazione, che facilitano la gestione da parte del personale sanitario di pazienti non autonomi, sono stati donati dalla famiglia Bianchini di Città di Castello alla struttura complessa di Nefrologia, Dialisi e Trapianto Renale dell’Azienda Ospedaliera di Perugia, nel corso di una semplice cerimonia, che si è svolta giovedì 18 Maggio al Santa Maria della Misericordia.

“Si tratta di dispositivi  in grado di migliorare il confort dei pazienti ricoverati, che consente loro, grazie alla tecnologia della quale sono dotati, di modificare elettronicamente la posizione del corpo, durante le varie fasi della giornata- dice il dottor Emidio Nunzi, direttore della struttura-. Oltre al confort i letti donati consentono il monitoraggio del peso corporeo e permettono il trasferimento del paziente per eseguire il  trattamento dialitico o effettuare  esami strumentali , senza dover ricorrere di altri presidi”. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I due letti speciali sono il frutto di una raccolta fondi effettuata dalla famiglia Bianchini in occasione della presentazione di un libro autobiografico del fondatore dell’omonima azienda, ubicata nella frazione di Promano, che produce infissi, commercializzati in tutta Europa.
Alla cerimonia erano presenti  la vedova  Patrizia Bianchini e la figlia Lorenza, oltre a parenti ed amici. “ Con questo gesto abbiamo voluto   testimoniare la  nostra riconoscenza al personale della struttura dove il nostro congiunto  Carlo è stato assistito con competenza ed umanità – ha voluto sottolineare la famiglia Bianchini-. Questa donazione ci è sembrata  il modo migliore per onorarne la  memoria”. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Spettacolo in cielo, le Frecce Tricolori sorvolano Perugia: ecco l'orario

  • Umbria Jazz, colpo di scena: l'annuncio ufficiale, progetto per quattro concerti ad agosto

  • Ad Umbertide apre un nuovo supermercato: 450 mq e una linea di prodotti tutta made in Umbria

  • Piante antizanzare da coltivare sul balcone o in giardino

  • Coronavirus in Umbria, il bollettino del 26 maggio: un nuovo positivo su 1097 tamponi

  • Coronavirus, bollettino regionale del 31 maggio 2020: zero contagi, 17 le persone ricoverate

Torna su
PerugiaToday è in caricamento