Omicidio Provenzano, freddato con un colpo di pistola: il pm chiede pesanti condanne e due ergastoli

Il muratore di Catanzaro fu ucciso con un colpo di pistola alla tempia nel maggio 2005. La procura chiede due ergastoli e 4 condanne a 30 anni per l'omicidio di Roberto Provenzano

Chieste pesanti condanne per i presunti responsabili della morte di Roberto Provenzano, il muratore 37enne originario di Catanzaro  freddato con un colpo di pistola alla testa nella notte del 29 maggio 2005 nella sua abitazione a Ponte Felcino, a Perugia. Il caso si era riaperto nel 2015 dopo la maxi inchiesta dei Ros, coordinata dalla procura distrettuale Antimafia di Perugia. e che aveva portato anche all’arresto di sei persone, coinvolte secondo la Procura di Perugia, nella morte del muratore, grazie all’operazione “Sottotraccia” dei Ros, con al centro delle indagini  una proiezione della cosca “Farao-Marincola” di Cirò, da tempo operante in Umbria.  Un’operazione che aveva svelato un massiccio traffico di droga, in particolare cocaina, comprata in Calabria per ingrassare le piazze dello spaccio perugino. 

Omicidio Provenzano, Gregorio Procopio innocente: ma non era un omicidio della 'ndrangheta?“

Dopo l’uscita di scena di Gregorio Procopio per il quale si è proceduto separatamente, rimangono in piedi le posizioni di Salvatore Papaianni e Vincenzo Bartolo, che secondo la procura sarebbero stati gli “istigatori”dell’omicidio. Giuseppe Affatato, secondo l'accusa, oltre a concorrere con gli altri due nell’istigazione all’omicidio, sarebbe stato colui che avrebbe portato a conoscenza Papaianni e gli altri del comportamento di Provenzano nell’ambito dell’attività di spaccio. E proprio qui che sarebbero sorti contrasti con la vittima, tali da far maturare il progetto omicida.

E’ quanto sostiene l’accusa che oggi in aula ha chiesto l’ergastolo per Papaianni e Affatato. I pm Giuseppe Petrazzini e Gemma Miliani, hanno chiesto inoltre 30 anni per: Francesco Elia, Antonio Procopio, Vincenzo Bartolo, Platon Guasi. A questi ultimi viene contestato di aver preso parte al delitto con vari e specifici ruoli. Si torna in aula il 20 settembre per la discussione delle difese. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Quando il bucato non profuma: lavare e igienizzare la lavatrice

  • Ospedale di Perugia in lutto, è morta Giampiera Bistarelli: "Ha dato a tutti noi una grande lezione di vita"

  • Le aziende che assumono. La perugina Barton cerca nuovi agenti: ecco come candidarsi

  • Sbanda e finisce fuori strada con l'auto: Marcello muore a 53 anni

  • Aeroporto, volo Ryanair Perugia-Malta confermato per tutto l'inverno

  • Commercialista infedele, spariscono 500mila euro di tasse e i clienti finiscono nei guai con il Fisco

Torna su
PerugiaToday è in caricamento