Omicidio Ramazzano, ritrovata possibile arma del delitto Rosi

La pistola semiautomatica sottratta nel corso della rapina a Resina è stata recuperata dai carabinieri nei boschi della zona. L'arma potrebbe essere quella che ha ucciso Luca Rosi

La foto dei due arrestati

E' stata trovata la pistola rubata nel corso della rapina in villa a Resina, il 3 febbraio scorso e ritenuta la possibile arma che ha ucciso Luca Rosi, il bancario 38enne morto nel corso dei tragici fatti di Ramazzano del 2 marzo.

Il video delle indagini.

Si tratta della calibro 9 sottratta proprio dalla villetta di Papa, dove si consumò lo stupro alla donna sudamericana di 54 anni e per il quale sono accusati i romeni fermati dai carabinieri.

A trovare la presunta arma dell'omicidio Rosi, nascosta in una cavità di un albero, un uomo che era alla ricerca di funghi nella zona di Resina e che ha subito allertato i carabienieri. Saranno degli esami balistici specifici, ad opera probabilmente dei Ris di Roma, a stabilire con certezza se la pistola ritrovata sia stata usata dalla banda per uccidere.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Guarda il video degli arresti e le parole di Bruno Rosi, appena ricevuta la notizia del fermo dei due romeni, avvenuto con un blitz all'estero.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, purtroppo altre 3 persone decedute negli ospedali di Foligno, Pantalla e Terni. Sono 24 in Umbria

  • L'Umbria apre tutte le sue bocche di fuoco contro il virus: test rapidi, 2mila tamponi al giorno e 25mila controlli mirati

  • Coronavirus, dalla spesa alle scarpe: le risposte dell'Istituto superiore di sanità sul contagio

  • Coronavirus, bollettino regionale del 29 marzo: 1023 contagiati, cresce il numero dei guariti, 'solo' in 46 in terapia intensiva

  • Coronavirus, bollettino medico del 26 marzo: in Umbria 20 morti, 802 contagiati e 12 clinicamente guariti

  • Coronavirus, nuovo bollettino medico in Umbria (25 marzo): 3 guariti in più, zero nuovi decessi, 710 contagiati

Torna su
PerugiaToday è in caricamento