Omicidio Rosi, presa la banda: le prove che li incastrerebbero

Con l'arresto del terzo componente della banda di romeni, considerata come presunta responsabile di diverse rapine nel perugino e dell'omicidio di Luca Rosi si chiude il cerchio delle indagini degli inquirenti

Dopo l'arresto del terzo ricercato del commando che ha seminato panico e morte nel perugino, con diverse rapine in villa e l'uccisione di Luca Rosi, l'impiegato bancario di 38 anni, morto per difendere la sua famiglia, si chiude il cerchio delle indagini dei fatti di Ramazzano.

Gli arresti sono cominciati con la cattura del presunto basista della banda, poi continuati fino a venerdì scorso, con il fermo dei primi due romeni.

Infine l'epilogo di lunedì con l'arresto del terzo uomo, D.G. praticamente braccato dalle forze dell'ordine che lo hanno raggiunto grazie all'esame dei contatti telefonici con uno degli altri fermati e con un mandato di arresto europeo messo in atto dalla polizia romena.

Anche il 23enne, è accusato di rapina aggravato in concorso, omicidio pluriaggravato, sequestro di persona e uso abusivo d'armi. Secondo i pm sono diversi gli elementi che lo collocherebbero, insieme alla banda sulla scena del delitto.

Il video delle indagini.

Si tratta del Dna sulla scarpa di I.G. ritrovata a Torgiano ( lo stesso isolato a Resina ) e nel covo che ha ospitato il gruppo prima del rientro in Romania, di una suoneria del telefonino ed ancora gli stessi jeans e scarpe da ginnastica.

Nel frattempo i due stranieri fermati venerdì, si sono avvalsi della facoltà di non rispondere all'interrogatorio del giudice e la compagna di Luca, Mary ha chiesto per i responsabili, una condanna esemplare.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Guarda il video degli arresti e le parole di Bruno Rosi, appena ricevuta la notizia del fermo dei due romeni, avvenuto con un blitz all'estero.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, la mappa del contagio in Umbria all'1 aprile: tutti i casi per comune di residenza

  • Coronavirus, purtroppo altre 3 persone decedute negli ospedali di Foligno, Pantalla e Terni. Sono 24 in Umbria

  • L'Umbria apre tutte le sue bocche di fuoco contro il virus: test rapidi, 2mila tamponi al giorno e 25mila controlli mirati

  • Coronavirus, bollettino regionale del 29 marzo: 1023 contagiati, cresce il numero dei guariti, 'solo' in 46 in terapia intensiva

  • Coronavirus, quando finirà l'emergenza? Le previsioni per l'Umbria

  • Coronavirus, bollettino regionale Umbria 31 marzo: rallenta il contagio, aumenta invece il numero dei guariti

Torna su
PerugiaToday è in caricamento