Omicidio Ramazzano, tribunale: anche Gheorghita resta in carcere

Il tribunale del Riesame ha deciso che anche il terzo componente del presunto commando che avrebbe ucciso Luca Rosi, resta in galera, proprio dopo la confessione di Rosu

Il tribunale del Riesame, secondo il resoconto de Il Giornale dell'Umbria, avrebbe deciso che Dorel Gheorghita resta in carcere, dopo la confessione shock di Aurel Rosu, che ha ammesso le responsabilità del commando dei rapinatori che ha terrorizzato Perugia con diverse rapine in villa e l'omicidio Rosi.

Così anche per il terzo della presunta banda responsabile della rapina di Ramazzano, sfociata in tragedia, con l'omicidio dell'impiegato bancario di 38 anni, Luca Rosi, la misura di custodia cautelare è stata confermata.

Guarda il video della reazione del padre di Rosi agli arresti.

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Artemisia, la bimba umbra dai lunghi capelli rossi, è già una star: dalle super griffe a Netflix

  • Ferrari 488 Pista, dalle corse alla strada: monta il motore V8 3.9 turbo, venduto a Perugia uno dei pochi esemplari prodotti

  • Umbria Jazz 2020, tutto il programma dell'Arena Santa Giuliana: ecco i big in concerto a Perugia

  • Mantignana, donna trovata morta in un appartamento: le indagini dei carabinieri

  • Acquasparta, avvistato branco di lupi. Il Comune: "Cittadini, fate attenzione"

  • Umbria. Rapinatori assaltano villa all'ora di cena: 16enne, solo in casa, minacciato con un coltello

Torna su
PerugiaToday è in caricamento