Omicidio Ramazzano, tribunale: anche Gheorghita resta in carcere

Il tribunale del Riesame ha deciso che anche il terzo componente del presunto commando che avrebbe ucciso Luca Rosi, resta in galera, proprio dopo la confessione di Rosu

Il tribunale del Riesame, secondo il resoconto de Il Giornale dell'Umbria, avrebbe deciso che Dorel Gheorghita resta in carcere, dopo la confessione shock di Aurel Rosu, che ha ammesso le responsabilità del commando dei rapinatori che ha terrorizzato Perugia con diverse rapine in villa e l'omicidio Rosi.

Così anche per il terzo della presunta banda responsabile della rapina di Ramazzano, sfociata in tragedia, con l'omicidio dell'impiegato bancario di 38 anni, Luca Rosi, la misura di custodia cautelare è stata confermata.

Guarda il video della reazione del padre di Rosi agli arresti.

 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo concorso pubblico: 616 posti a tempo indeterminato, basta la licenza media

  • Elezioni regionali, nuovo sondaggio sull'Umbria: Tesei avanti su Bianconi, la forbice e il numero degli indecisi

  • Università di Perugia, premio alla miglior tesi di laurea: ecco la vincitrice

  • La Cena degli Sconosciuti arriva a Perugia: come funziona

  • Cancella la striscia continua con pennello e vernice: "Ero stanco di fare il giro lungo per rientrare a casa"

  • Tragico incidente con il furgone, muore a 58 anni: addio a Luca

Torna su
PerugiaToday è in caricamento