Omicidio Ramazzano, tribunale: anche Gheorghita resta in carcere

Il tribunale del Riesame ha deciso che anche il terzo componente del presunto commando che avrebbe ucciso Luca Rosi, resta in galera, proprio dopo la confessione di Rosu

Il tribunale del Riesame, secondo il resoconto de Il Giornale dell'Umbria, avrebbe deciso che Dorel Gheorghita resta in carcere, dopo la confessione shock di Aurel Rosu, che ha ammesso le responsabilità del commando dei rapinatori che ha terrorizzato Perugia con diverse rapine in villa e l'omicidio Rosi.

Così anche per il terzo della presunta banda responsabile della rapina di Ramazzano, sfociata in tragedia, con l'omicidio dell'impiegato bancario di 38 anni, Luca Rosi, la misura di custodia cautelare è stata confermata.

Guarda il video della reazione del padre di Rosi agli arresti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, purtroppo altre 3 persone decedute negli ospedali di Foligno, Pantalla e Terni. Sono 24 in Umbria

  • L'Umbria apre tutte le sue bocche di fuoco contro il virus: test rapidi, 2mila tamponi al giorno e 25mila controlli mirati

  • Coronavirus, dalla spesa alle scarpe: le risposte dell'Istituto superiore di sanità sul contagio

  • Coronavirus, bollettino regionale del 29 marzo: 1023 contagiati, cresce il numero dei guariti, 'solo' in 46 in terapia intensiva

  • Coronavirus, bollettino medico del 26 marzo: in Umbria 20 morti, 802 contagiati e 12 clinicamente guariti

  • Coronavirus, quando finirà l'emergenza? Le previsioni per l'Umbria

Torna su
PerugiaToday è in caricamento