Omicidio Menicali: la polilzia ferma due persone in Montenegro

Svolta nelle indagini per il giallo di Roberto Menicali, il promotore umbro scomparso lo scorso 19 giugno. Due cittadini bosniaci sono stati fermati con l'accusa di omicidio

Due cittadini di origini bosniache sono stati fermati in Montenegro e sono indiziati per l’omicidio di Roberto Menicali, il promotore finanziario umbro di 57 anni residente a Trieste, il cui corpo potrebbe essser stato ritrovato l'altro ieri in Slovenia, dopo che il 19 giugno aveva fatto perdere le sue tracce.

Dalle indagini della polizia, Menicali aveva con i due uomini un incontro il 19 giugno scorso alla stazione ferroviaria di Trieste, per vendere la propria Mercedes Station Wagon. L'arresto dei due bosniaci è avvenuto nell’ambito di una operazione internazionale Trieste, alla quale hanno partecipato le forze dell'ordine di Montenegro, Italia, Slovenia e Croazia.

Sempre secondo gli ultimi sviluppi investigativi, il movente del delitto Menicali potrebbe essere di tipo economico, visto che il broker umbro in quei giorni aveva fatto parecchi movimenti economici sopspetti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, la Regione conferma un caso sospetto in Umbria, una persona in isolamento

  • Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere: sintomi, contagio, la malattia e la prevenzione

  • Coronavirus, sospetto contagio in Umbria: donna in isolamento all'Ospedale di Perugia, i risultati tra 24 ore

  • Coronavirus, caso sospetto donna ricoverata in isolamento a Perugia: i risultati del primo test

  • Artemisia, la bimba umbra dai lunghi capelli rossi, è già una star: dalle super griffe a Netflix

  • Ferrari 488 Pista, dalle corse alla strada: monta il motore V8 3.9 turbo, venduto a Perugia uno dei pochi esemplari prodotti

Torna su
PerugiaToday è in caricamento