Morte Orsolini, nuovi sviluppi: c'era una presa scoperta

Ci sono ancora degli sviluppi sul caso della morte del giovane operaio della Provincia di Perugia, Marco Orsolini, deceduto in seguito ad una forte scossa elettrica durante un intervento di manutenzione

Ci sarebbero ancora degli sviluppi sul caso della morte del giovane operaio della Provincia di Perugia, Marco Orsolini, deceduto in seguito ad una forte scossa elettrica durante un intervento di manutenzione a Castel Ritaldi.

Con gli esami della polizia giudiziaria e i documenti acquisiti dalla Asl 3 sul luogo del sinistro si evidenzierebbero alcune prese di corrente anomale. Questo perchè nel caso del sopralluogo dopo la morte del dipendente della Provincia, ci sarebbe stata una presa elettrica completamente scoperta.

Il giovane avrebbe aperto la scatola per l'intervento di manutenzione e i fili avrebbero prodotto una forte scossa da 380 volt che ha causato il decesso sul colpo. Inoltre, l'esame autoptico metterebbe in luce che le ecchimosi rinvenute su schiena e spalle sono state determinate dal balzo del ragazzo a terra.
 


 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nessuno vuole più indossare la toga? Esame da avvocato, domande al minimo storico

  • Muore a 39 anni schiacciato dal trattore, inutili i soccorsi

  • "Mi ha ridotto così divertendosi": Caterina denunciando tutto è riemersa dall'abisso: massacrata ma viva

  • Umbria, colpito da infarto in banca: infermiere e vigile del fuoco fuori servizio gli salvano la vita

  • Cadavere in un canale, sul posto Carabinieri e Vigili del fuoco

  • Ingegneri, architetti, scienziate e statistici: i laureati che mancheranno nei prossimi anni

Torna su
PerugiaToday è in caricamento