Comunità in lutto, addio al partigiano che lottò per la libertà: "Simbolo della resistenza altotiberina"

Domenico Bruschi era presidente onorario della sezione ANPI di Montone. Il sindaco: "Straordinario custode della memoria di uno dei periodi più difficili della storia del nostro paese"

“Con grande dolore ho appreso la notizia che ci ha lasciato Domenico Bruschi, partigiano della Brigata d'Urto San Faustino. Il 25 aprile, festa della Liberazione, lo abbiamo ricordato accanto a Rino suo indivisibile compagno di operazioni”. Sono le parole del sindaco di Montone, Mirco Rinaldi, all’indomani della morte dell’uomo simbolo della resistenza partigiana altotiberina.

“Personalmente mi sono reso disponibile nel dare seguito al loro impegno – prosegue Rinaldi - quello di non dimenticare e far conoscere ai giovani la memoria di quel sacrificio per la Liberazione. Ricordo le sue emozioni davanti agli alunni delle scuole, dinnanzi al monumento di Aldo Bologni e alle tante iniziative messe in campo con l’ANPI. Se il nostro cuore oggi è triste per la chiusura del suo percorso umano – conclude il primo cittadino – ancora più importante è il nostro compito di trasmettere l’impegno per la libertà”.

Domenico Bruschi, presidente onorario della sezione ANPI di Montone, nato nel 1925 in località Gaianello, nella frazione di Carpini del comune di Montone, abitava da molti anni ad Umbertide, ma era sempre rimasto legato al suo territorio di origine. “E’ stato uno straordinario custode della memoria di uno dei periodi più difficili della storia del nostro paese e ha incarnato i valori alla base della democrazia italiana, trasmettendo in ogni suo intervento, con la semplicità che lo caratterizzava, il significato più profondo delle scelte che furono intraprese per affrancare il paese dal giogo nazifascista e riconquistare libertà e diritti a lungo negati.” 

Il cordoglio di Rifondazione Comunista - "Vogliamo esprimere profondo e sentito cordoglio  - scrive Rifondazione - per la scomparsa del partigiano Domenico Bruschi, partigiano della Brigata d'Urto San Faustino. Si tratta di una grande perdita per tutte e tutti coloro che ancora oggi lottano per la libertà. Se ne va purtroppo un altro pezzo di straordinaria importanza della storia partigiana ed antifascista altotiberina e dell’Umbria". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La famiglia denuncia la scomparsa, i Vigili del fuoco cercano un giovane tra Collestrada e Ponte San Giovanni

  • Umbria, dramma in casa: uccide moglie e figlia e poi si toglie la vita

  • Maltempo, il Comune di Perugia tiene chiuse scuole e Università: ordinanza del sindaco

  • Maltempo, la Protezione Civile: chiuse strade e allarme per fiumi. "Ecco quando e dove si verificherà il picco della piena del Tevere"

  • Lo riconosce e lo accompagna dai carabinieri, ritrovato il giornalista Giovanni Camirri

  • Università di Perugia, premiati i migliori laureati del Dipartimento di Scienze Farmaceutiche: tutti i nomi

Torna su
PerugiaToday è in caricamento