L'assurdo in campo: minaccia di morte l'arbitro, squalificato e cacciato dalla squadra

Il giovane calciatore aveva urlato contro il direttore di gara. In arrivo sanzioni anche per gli allenatori

Squalificato fino all’8 aprile e adesso cacciato dalla squadra. È la punizione per un giovane calciatore della Nestor Marsciano che ha minacciato di morte l'arbitro nel corso della gara del campionato Juniores A2 contro il Massa Martana. Lo scrive oggi Il Corriere dell’Umbria.

Dopo la squalifica inflitta dal giudice sportivo perché aveva urlato all’arbitro "Ti ammazzo, ti do un cazzotto", adesso la sanzione disciplinare della società sportiva, che ha escluso a titolo definitivo il giovane calciatore dalla squadra.

Secondo il quotidiano dovrebbero arrivare sanzioni anche per i due allenatori.

Potrebbe interessarti

  • Dove mangiare bene a Perugia, secondo chi ci è stato

  • Rinfrescarsi a Perugia, ecco le principali piscine pubbliche con le relative tariffe

  • Alcol denaturato, un potente disinfettante per l'igiene domestica

  • Spazzatura, come disinfettare i bidoni ed evitare il cattivo odore, specie d'estate

I più letti della settimana

  • Tragedia in centro storico, ragazza di 28 anni trovata morta

  • Tragedia in ospedale, cade dalle scale e muore a 26 anni

  • L'Umbria in Prima Serata, su Sky la puntata tutta umbra di 4 Hotel. Barbieri: "Ecco i protagonisti e le location"

  • A piedi sulla E45, travolto e ucciso da un'automobile

  • Tragedia all'ospedale, studentessa universitaria cade dalle scale e muore

  • Investito sulla E45, il testimone: "Ho cercato di convincerlo a salire in auto, poi si è lanciato sulla strada"

Torna su
PerugiaToday è in caricamento