Migliorano le condizioni del 71enne colpito con un pugno per una partita di carte

Gli esami rivelano che le terapie stanno funzionando e si registra una costante diminuzione dell'emorragia cerebrale

Il quadro clinico del paziente di 71 anni ricoverato in Neurochirurgia al Santa Maria della Misericordia di Perugia, dopo essere stato colpito da un pugno al volto al culmine di una lite per una partita a carte, essere caduto e aver battuto la testa, è in leggero miglioramento. I carabinieri hanno arrestato un 47enne di Città di Castello: ora è rinchiuso nel carcere di Capanne.

Per via di una partita a carte un uomo rischia di morire: pugno in pieno volto, 71enne è grave

I medici che lo hanno in cura stanno monitorando i parametri e hanno rilevato che le terapia sta avendo efficacia.

Domani verrà effettuata una nuova Tac, come riferisce la dottoressa Nunzia Cenci tramite l’ufficio stampa dell’Azienda ospedaliera di Perugia, che dovrebbe confermare l’ulteriore restringimento dell’emorragia cerebrale. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, la Regione conferma un caso sospetto in Umbria, una persona in isolamento

  • Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere: sintomi, contagio, la malattia e la prevenzione

  • Bollettino medico Coronavirus: "Nessun contagio in Umbria ad oggi". Si decide su scuole ed eventi

  • Coronavirus, caso sospetto donna ricoverata in isolamento a Perugia: i risultati del primo test

  • Coronavirus, sospetto contagio in Umbria: donna in isolamento all'Ospedale di Perugia, i risultati tra 24 ore

  • Coronavirus, l'Asl di Lodi segnala la presenza di una donna a rischio in Altotevere: "Non ha sintomi, ed ha lasciato l'Umbria"

Torna su
PerugiaToday è in caricamento