Meningite, chi deve vaccinarsi e quando

Il sito dell'Istituto Superiore di Sanità pubblica un primo piano con la supervisione scientifica di Giovanni Rezza e Paola Stefanelli, del Dipartimento Malattie infettive dell'Istituto che aiuta a fare chiarezza

L'allarme meningite si è ormai diffuso in tutta Italia, anche se i numeri dei contagi non destano particolare preoccupazione fra gli esperti. E per evitare inutili allarmismi non c'è niente di meglio che saperne di più. Il sito dell'Istituto Superiore di Sanità pubblica un primo piano con la supervisione scientifica di Giovanni Rezza e Paola Stefanelli, del Dipartimento Malattie infettive dell'Istituto che aiuta a fare chiarezza. Eccolo. 

La meningite fa paura, è psicosi contagio: ecco come riconoscere i sintomi

LA CAUSA DELLA MENINGITE - Tra gli agenti batterici che causano la meningite il più temuto è Neisseria meningitidis (meningocco), oltre a Streptococcus pneumoniae (pneumococco) e Haemophilus influenzae. Del meningococco esistono diversi sierogruppi: A, B, C, Y, W135, X. Il più aggressivo è il meningococco di sierogruppo C, che insieme al B è il più frequente in Italia e in Europa. Secondo l`ISS, nel 2015 si sono verificati in Italia quasi 200 casi di malattia invasiva da meningococco, la maggior parte dei quali causati dai sierogruppi B e C. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, la Regione conferma un caso sospetto in Umbria, una persona in isolamento

  • Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere: sintomi, contagio, la malattia e la prevenzione

  • Coronavirus, caso sospetto donna ricoverata in isolamento a Perugia: i risultati del primo test

  • Coronavirus, sospetto contagio in Umbria: donna in isolamento all'Ospedale di Perugia, i risultati tra 24 ore

  • Coronavirus, l'Asl di Lodi segnala la presenza di una donna a rischio in Altotevere: "Non ha sintomi, ed ha lasciato l'Umbria"

  • Ponte Rio, scontro tra auto: grave un 30enne

Torna su
PerugiaToday è in caricamento