Omicidio Meredith, il memoriale di Guede dal carcere: "Ecco perchè sono innocente"

Per la prima volta dal 2007 sono visibili le 23 pagine del memoriale dell'unico condannato (ma in concorso) nel caso Meredith. Le accuse ad Amanda (il furto presunto dell'affitto), l'ingresso nella camera, il coltello e e la fuga con la ragazza ancora agonizzante

Per la prima volta pubblicato il memoriale di Rudy Guede che, a suo dire, inchioderebbe Amanda Knox e Raffaele Sollecito per l'omicidio del 2007 di Meredith Kercher in via della Pergola. Un memoriale che esce a pochi mesi dal nuovo processo a Firenze a carico degli ex fidanzati dopo l'annullamento dell'assoluzione d'Appello da parte della Cassazione. L'esclusiva porta la firma del nuovo settimanale "Giallo". Ecco i passaggi più significativi delle 23 pagine di Rudy Guede.

MEREDITH ARRABBIATA CON AMANDA LA SERA DEL DELITTO - "Non so che problemi avesse con Amanda ma sentii che si lamentava e allora mi alzai e andai verso camera sua, la vidi furiosa e disse, testuali parole: 'Quella tro...di una drogata'. Erano parole pesanti per due che erano amiche, poi chiesi che era successo e mi disse che non vedeva più i suoi soldi e mi fece vedere il cassetto accanto a letto dove teneva anche le biancheria intima". E' la teoria della difesa di Guede che ha sempre parlato di un furto dei soldi dell'affitto per la casa di via della Pergola alla base dell'omicidio.

I KILLER ENTRANO IN SCENA MENTRE GUEDE ERA IN BAGNO - "Il kebab mi aveva dato allo stomaco. Mentre ero nel bagno sentii il suono del campanello. Sono sicuro perchè ha suonato più di una volta, poi mi sono  messo la cuffia e ho ascoltato la musica del mio Ipod". Resta però un dubbio: perchè Amanda che abitava nella casa non ha aperto con la propria chiave ma ha dovuto suonare il campanello?

RUDY ESCE DAL BAGNO - "C'era questa figura girato di spalle, era dentro la stanza e ho detto: "Ehi che succdede?". Poi ho visto il corpo di Meredith in un lago di sangue. "Che cazzo hai combinato?": ho urlato e questo che non aveva accento straniero aveva il coltello in mano e ha cercato di colpirmi". In Appello Rudy Guede, già condannato in via definitiva, disse per la prima volta che si trattava di Raffaele Sollecito.

AGONIA E FUGA - "Mi sono inginocchiato  accanto a lei e ho preso un asciugamano e l'ho messo sul collo ma dopo poco tempo era tutto zuppo. Le ho chiesto che è successo e lei ripeteva quel suono: af...af (stava soffocando). Io ho pensato a me...sono fuggito".  Guede fuggì in Germania dove poi fu preso ed estradato

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (5)

  • Avatar anonimo di K
    K

    Se sono tutti innocenti come si proclamano, chi è questo assassino?!...

    • Avatar anonimo di Teddy
      Teddy

      Rudy Guede è il colpevole. Tutte le prove lo dimostrano. Le sue traccie in quella casa sono ovunque, addirittura anche dentro Meredith. Vogliamo anche il filmato?

  • Avatar anonimo di Teddy
    Teddy

    Questa versione di Rudy Guede è inverosimile. Vorrebbe farci capire che la dolce Meredith avrebbe usato parole come "quella tr***"? Comunque sono sicuro che i simpatici PM del caso lo riterrano attendibile, almeno questa parte, visto che stanno ancora cercando di incastrare 2 innocenti.

    • Vedi Teddy purtroppo noi non eravamo li, lo stato di innocenza di Amanda e Raffaele è solo una supposizione intima. Non voglio dire neanche che siano colpevoli ma resta il fatto che di quattro persone che erano dentro quella casa una é morta, l'altro é in galera e i rimanenti due.... avevano buoni avvocati! !!! È vero che la morte innalza gli spiriti e rende nobili ma dolcezza o no una parolaccia esce a chiunque.

      • Avatar anonimo di Teddy
        Teddy

        Se noi non eravamo lì, come tu dici leonardo, perché asserisci che c'erano 4 persone nella casa al momento del delitto? Mi dispiace ma ho studiato questo caso a lungo. Non solo non ci sono prove della presenza di Knox/Sollecito, ma ci sono prove che dimostrano che è molto improbabile (vedi ora della morte, stato di digestione Meredith, telefonini di Meredith già fuori la casa alle 22:13, alibi Knox/Sollecito a casa loro fino alle 21:15, fatto che Guede non conosceva Knox/Sollecito, assenza di tracce Knox/Sollecito, ecc). ​È un caso facilissimo da risolvere. Finestra rotta (modus operandus di Guede già in precedenza), lui va al bagno prima di cominciare a rubare, sente l'arrivo di Meredith, non scarica, c'è un confronto, lui violenta Meredith (le sue tracce trovate dentro di lei, sulla sua borsa, sul muro in sangue, la sua scarpa Nike nel suo sangue) e poi si pulisce, butta i telefonini, e scappa in Germania. Solo in Italia andiamo a cercare la versione più complicata e improbabile, perché certe persone hanno dichiarato caso chiuso dopo 4 giorni prima del arrivo dei risultati DNA e non avevano il coraggio di ammettere il proprio errore.  

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Morì folgorato mentre lavorava al mangimificio, cinque persone davanti al giudice

  • Cronaca

    Foto hot, violenze e ricatti: "Dico tutto a tuo marito se non fai sesso con me". Giudizio immediato per l'adescatore

  • Attualità

    Rivoluzione mobilità a Perugia, il Comune vara il metrobus: nuovi collegamenti

  • Cronaca

    In viaggio lungo la E45 con un maxi carico di droga: arrestato dalla Polizia Stradale

I più letti della settimana

  • Emanuele Cecconi, si spegne la speranza: il figlio conferma, è morto

  • Ospedale di Perugia, donna incinta salvata dai medici: operata alla testa per un aneurisma

  • Perugia, scompare nel nulla a 18 anni: l'appello sui social

  • Il Comune di Perugia assume, ottanta nuovi ingressi in tre anni: tutte le figure richieste

  • Perugia in lutto, è morto il Maestro Mauro Chiocci

  • Non possono aprire il salone dei sogni e perdono 60mila euro di investimenti: "Esposto alla Procura"

Torna su
PerugiaToday è in caricamento