Individuata e arrestata truffatrice seriale, ecco come raggirava le sue vittime

I Carabinieri della Stazione di Marsciano, da diverso tempo erano sulle tracce di una donna, responsabile, secondo i militari, di una lunga serie di truffe a danno di diversi commercianti della provincia di Perugia. Ieri, martedì 17 novembre, i carabinieri l’hanno individuata e arrestata

Un truffatrice seriale, con una tecnica studiatissima. I Carabinieri della Stazione di Marsciano, da diverso tempo erano sulle tracce di una donna, responsabile, secondo i militari, di una lunga serie di truffe a danno di diversi commercianti della provincia di Perugia. Ieri, martedì 17 novembre, i carabinieri l’hanno individuata e arrestata.

La vicenda comincia lo scorso mese di luglio, quando una donna di circa cinquant’anni, con accento umbro, si è recata in diversi bar, chiedendo di effettuare ricariche - per importi compresi tra i 500 ed i 700 euro - di carte prepagate postpay.

E qui scattava la truffa. Dopo aver effettuato le transazioni, spigano i carabinieri, “la donna comunicava agli esercenti che, non disponendo al momento di denaro contante, si vedeva costretta ad effettuare il pagamento della ricarica con un assegno bancario. I commercianti, non potendo a quel punto annullare l’operazione, dovevano necessariamente accettare il pagamento con l’assegno”. Ma, una volta depositato, ecco che saltava fuori la verità: o era rubato o non c’erano soldi per coprirlo. Morale: truffati.

Le indagini dei Carabinieri di Marsciano hanno permesso di identificare la truffatrice - R.M., residente a Bastia Umbra ma domiciliata a Foligno e già conosciuta per il suoi trascorsi giudiziari -  e di ricostruire tutta l’attività della donna. Dieci le truffe messe a segno a danno di baristi in diverse località della provincia di Perugia, quali Marsciano, Deruta, Gualdo Cattaneo, Spello, Umbertide, Città di Castello, Campello sul Clitunno e Castel Ritaldi, per un bottino di oltre 11.000 euro.  

Nella mattinata di ieri, i Carabinieri di Marsciano hanno localizzato e arrestato a Foligno R.M.. Ora la donna, sottoposta ai domiciliari, dovrà rispondere di truffe, falso e ricettazione di assegni rubati. Nei suoi confronti è stata inoltrata la proposta di applicazione della misura di prevenzione dei divieto di ritorno in diversi comuni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cresima e comunione insieme, l'arcivescovo cambia tutto: niente padrini e madrine per tre anni

  • Pizza a lievitazione naturale, ecco le migliori pizzerie di Perugia

  • Carrefour sbarca in Umbria: ecco quanti saranno i punti vendita

  • Documento Unico di Circolazione e bollo auto, cosa è cambiato nel 2020

  • Bambina di 12 anni all'ospedale per mal di pancia, ma è incinta

  • Omicidio Polizzi, libero il killer Menenti. Il fratello della vittima pubblica le foto del cadavere: "Ecco come lo ha ridotto"

Torna su
PerugiaToday è in caricamento