Invia foto hot della figlia piccola all'amico di chat, mamma resta in carcere

Rigettata dal gip l'istanza di revoca della misura cautelare avanzata dalla difesa. Il perito: "Disturbo cognitivo e semi incapacità di intendere e di volere"

Vulnerabile. Una facile preda non pienamente consapevole della gravità delle sue azioni, fatte per assecondare l’uomo di cui si era invaghito. Lo stesso che sarebbe arrivato a chiederle foto “spinte” di sua figlia di appena sette anni. E’ quanto emerge da una delicata e dolorosa vicenda che vede al centro  una mamma umbra di quarant’anni, arrestata nel maggio di quest’anno per detenzione di materiale pedopornografico e violenza sessuale su minore.

Accuse pesantissime e per le quali è stata chiesta da parte della difesa – avvocati Alessia Modesti e Francesco Narducci-  la consulenza dello psichiatra Tarciso Radicchia che ha evidenziato “la semi incapacità di intendere e di volere dell’indagata”. Un “disturbo cognitivo” in linea anche con la consulenza dei  medici del carcere, che hanno valutato la donna attraverso una lunga serie di colloqui di natura psicologica e psichiatrica.

Intanto il gip Lidia Brutti ha rigettato l’istanza di revoca della misura custodiale del carcere con i domiciliari avanzata dalla difesa che ha tenuto a sottolineare l’impossibilità per la loro assistita di reiterare il fatto, dal momento che la piccola è stata affidata alle cure del padre. Intanto il pm titolare delle indagini, Massimo Casucci, ha chiesto che si proceda per incidente probatorio. Il giudice si è riservato la decisione.

Ma c’è un'altra figura al centro della vicenda. E’ un brindisino 50enne, l’uomo che – approfittando di una personalità fragilissima e della solitudine della donna-  l’avrebbe plagiata al punto di prometterle amore dietro richieste assurde. Inaccettabili. I due, conosciuti attraverso un sito d’incontri, dopo alcune conversazioni e una simpatia iniziale iniziano a stabilire un contatto più frequente. Poi, con la promessa di un incontro in città l’uomo chiede alla donna di inviarle foto della figlia, ma non scatti qualsiasi. La situazione degenera, e quelle foto "spinte" e video vengono inoltrate tramite whatsapp. Tutto è scaturito dopo la segnalazione alle forze dell’ordine da parte di una chiromante a cui la donna si sarebbe rivolta, lasciando trapelare alcuni particolari di questa agghiacciante vicenda.  

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Spettacolo in cielo, le Frecce Tricolori sorvolano Perugia: ecco l'orario

  • Le Frecce Tricolori nei cieli di Perugia, domani il grande giorno per ammirare la pattuglia acrobatica

  • LA LETTERA al sindaco. Ordinanza: "Non si interviene così: chi ha sbagliato paghi ma senza penalizzare noi commercianti"

  • Ad Umbertide apre un nuovo supermercato: 450 mq e una linea di prodotti tutta made in Umbria

  • Coronavirus in Umbria, la mappa del contagio al 24 maggio: tutti i dati comune per comune

  • Ordinanza Umbria-Marche: via libera alla mobilità tra comuni di confine tra le due regioni

Torna su
PerugiaToday è in caricamento