Genitori costretti a lasciare casa e a dormire in albergo: “Nostro figlio troppo violento”

Secondo l'accusa sarebbe arrivato anche a colpirli con l'uso di mezzi contundenti e costretti a lasciare la propria abitazione nel timore di essere aggrediti

“Ormai era diventata una convivenza impossibile,  tanto era aggressivo, ci diceva che se eravamo ancora a casa ci avrebbe ammazzato e poi si sarebbe ucciso". Sono parole forti, quelle pronunciate oggi in aula  dalla madre dell'imputato, finito a processo con l'accusa di maltrattamenti in famiglia. Davanti al giudice Semeraro, i genitori dell'uomo hanno ripercorso alcuni degli episodi che avrebbero portato a denunciare il loro stesso figlio, oggi alla sbarra per aver maltrattato i genitori con aggressioni verbali, fisiche, minacce di morte, offese. Secondo l'accusa sarebbe arrivato anche a colpirli con l'uso di mezzi contundenti e costretti a lasciare la propria abitazione nel fondato timore - si legge nel capo d'imputazione - di aggressioni alla loro incolumità. 

Ma forse, dietro quei comportamenti denunciati, potrebbero esserci rapporti difficili e rancori maturati nel corso del tempo. E' ancora la donna (oggi parte civile insieme al marito) a raccontare di come quasi ogni sera  ritornasse a casa dal lavoro in preda all'ira: "Diceva di voler far esplodere la casa, rompeva gli oggetti, si infuriava, e quindi abbiamo deciso di andare a dormire in un residence per evitare che la situazione potesse degenare. Un giorno ha anche colpito suo padre, tanto da farlo sentire male, mentre in un'altra occasione ho trovato i cancelli chiusi e le catene a casa". 

Ad essere ascoltato dal giudice, anche il cugino dell'imputato, che all'epoca dei fatti viveva di fronte a casa dell'uomo che però, a parte qualche urla provenire dall'abitazione, non avrebbe assistito mai a nessun episodio di violenza. L'imputato, presente in aula, è difeso dall'avvocato Francesco Areni; la prossima udienza è stata fissata a maggio per l'escussione di altri testi. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Maltempo e freddo, prima nevicata dell'inverno 2019: il bollettino e le aree che saranno imbiancate

  • Inchiesta anti-ndrangheta a Perugia, tutti i nomi degli arrestati e fermati in Calabria e in Umbria

  • Aereo guasto atterra e si schianta, morti e feriti: la super esercitazione all'Aeroporto di Perugia

  • Si perde nella palude per inseguire un animale, cane salvato dai vigili del fuoco

  • Lungo la Pievaiola scontro tra tre auto all'ora di cena: mezzi distrutti, feriti

  • Arresti per 'ndrangheta, la cosca perugina faceva paura: "Basta una mia parola e si pisciano addosso"

Torna su
PerugiaToday è in caricamento