Rischia di morire in casa, la polizia sfonda la porta e gli salva la vita

Non rispondeva al telefono da due giorni. Il medico di famiglia chiama la polizia, salvato

Tragedia sfiorata a Perugia. Il medico di famiglia chiama il 113 perché un suo paziente, anziano e malato, da due giorni non rispondeva più al telefono. Così gli agenti della Volante si sono fiondati a San Marco.

Nel cortile di casa hanno trovato l'auto dell'uomo, un perugino di 87 anni, con le portiere aperte e i finestrini abbassati. I poliziotti hanno allertato i vigili del fuoco di Perugia per entrare in casa. Poi hanno sentito un rantolo provenire dall'abitazione e hanno sfondato una porta. E lo hanno trovato. L’anziano, spiega la polizia, era caduto a terra in bagno, probabilmente da un paio di giorni, e presentava segni di disidratazione e alcune ferite. 

Sul posto è intervenuto anche il 118, che ha verificato un possibile trauma cranico per la caduta e trasportato l'anziano all'ospedale Santa Maria della Misericordia per le cure del caso. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, la Regione conferma un caso sospetto in Umbria, una persona in isolamento

  • Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere: sintomi, contagio, la malattia e la prevenzione

  • Coronavirus, caso sospetto donna ricoverata in isolamento a Perugia: i risultati del primo test

  • Coronavirus, sospetto contagio in Umbria: donna in isolamento all'Ospedale di Perugia, i risultati tra 24 ore

  • Coronavirus, l'Asl di Lodi segnala la presenza di una donna a rischio in Altotevere: "Non ha sintomi, ed ha lasciato l'Umbria"

  • Ponte Rio, scontro tra auto: grave un 30enne

Torna su
PerugiaToday è in caricamento