Malmenata dal fidanzato dopo una scenata di gelosia, aggredisce gli agenti e finisce denunciata

Resistenza a pubblico ufficiale oltraggio e lesioni le accuse contro la giovane

Malmenata dal fidanzato dopo una scenata di gelosia ad una festa, si scaglia contro i poliziotti che l’hanno soccorsa perché, a suo dire, si starebbero occupando troppo di lei e meno del ragazzo violento. E finisce sotto processo, difesa dall’avvocato Michele Capocchi, per resistenza a pubblico ufficiale, oltraggio e lesioni.

La ragazza era uscita con il suo fidanzato per andare ad una festa. Danza, qualche amico, un po’ di alcol. Tutto tranquillo, finché la giovane non trova più il fidanzato e si mette a cercarlo.

Lo scova chiuso in bagno con un’altra ragazza. Ne nasce subito una discussione molto accesa e che, una volta usciti dal locale, degenera. Secondo il racconto dei testimoni il fidanzato avrebbe preso a schiaffi la giovane, che cadeva a terra, e poi l’avrebbe colpita con dei calci.

La polizia arrivava a lite terminata, con la ragazza ferita e dolorante e con il vestito malconcio.

A questo punto le versioni divergono. Gli agenti, costituiti parte civile tramite l’avvocato Claudio Cimato, sostengono di aver preso le generalità delle due persone coinvolte e di aver invitato la ragazza a recarsi al Pronto soccorso per far refertare le lesioni.

Secondo la ragazza, invece, gli agenti si sarebbero occupati troppo di lei e per nulla del fidanzato violento. Le rimostranze della ragazza si sarebbero fatte più accese, fino a sconfinare nella resistenza a pubblico ufficiale. Nel tentativo di liberarsi della presa dei poliziotti, infine, ne avrebbe ferito uno con un anello o un bracciale e con un colpo alla spalla. Da qui la denuncia e il processo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Elezioni Umbria, proclamati gli eletti in consiglio regionale: tutti i nuovi consiglieri, le biografie

  • Chiuso per 15 giorni il bar della droga, anche il Tar conferma

  • Beccato con la patente falsa, chiama la moglie e l'amico, ma anche loro hanno il documento contraffatto: denunciati in tre

  • Rischio microbiologico, lotto di Acqua Nepi richiamato dal Ministero della Salute

  • Investito mentre cammina in strada, grave 19enne: è in prognosi riservata

  • Muore a soli 42 anni dopo la caduta da un lettino dell'Ospedale: indagati medico e fisioterapista

Torna su
PerugiaToday è in caricamento