Venduto come tartufo, ma è solo profumo artificiale e sintetico: scoperta maxi frode

Tutti prodotti presentavano l'immagine dei tartufi sulle etichette, peccato che nei condimenti non c'era tartufo vero ma una sostanza aromatizzante di origine sintetica

Una maxi frode, con 50 aziende coinvolte. A scoprirla i carabinieri della Forestale di Serravalle di Chienti, che hanno denunciato 11 persone.  Venti le violazioni amministrative contestate, per un totale di 65mila euro. I militari hanno rilevato irregolarità penali e amministrative nei confronti di ditte in Toscana, Molise, Liguria, Umbria, Campania, Calabria, Abruzzo, Lombardia, Piemonte, Emilia-Romagna, Basilicata, Puglia, Sardegna e Sicilia. E anche nelle Marche. 

L'indagine è andata avanti per sei mesie  ha portato alla luce una frode di prodotti aromatizzati al tartufo venduti sul web da numerose aziende, circa 50, che operano in tutta Italia. Si tratta di olii, condimenti, salumi e salse. Tutti prodotti che presentavano l'immagine dei tartufi sulle etichette. Secondo quanto ricostruito dai carabinieri, però, nei condimenti non c'era tartufo vero ma una sostanza aromatizzante di origine sintetica, il “bismetiltiometano” (legale se correttamente dichiarato). 

Undici i denunciati tra proprietari e rappresentanti legali delle aziende che commercializzano "condimenti al tartufo", tra cui una multinazionale dell'agroalimentare italiano.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il Senato assume personale, il concorso: primo stipendio da 1.726 euro al mese

  • Umbria, tragico schianto in moto: Francesco muore nell'incidente

  • Family Day Perugia, il cattolico Fora non firma il manifesto e accusa: "Chi sta con Salvini non può dirsi cristiano"

  • Quando Cicciolina girava per il centro di Perugia mostrando le sue grazie ai passanti

  • Quando Bob Dylan, a Perugia, perse l’amore

  • LA VIGNETTA di Giuseppe Pellegrini. Il Frecciarossa parte seconda: l'orario infernale!

Torna su
PerugiaToday è in caricamento