Perugia in lutto, addio a Vincenza Losito Baldasserini: fu la prima pediatra della città

Se ne va una figura di riferimento della civitas perusina, "inventrice" dell'Unicef Umbria

di Sandro Francesco Allegrini

Scompare Vincenza Losito Baldasserini, figura di riferimento della civitas perusina. Nata a Livorno, è vissuta e si è formata in varie località del Paese, seguendo i trasferimenti del padre, dipendente delle Ferrovie dello Stato. Avendo scoperto fin da piccola la vocazione alla medicina, si è dedicata alla professione con competenza e dedizione per tutta la vita. Pediatra, dottore di fabbrica (presso l’Angora Spagnoli), medico scolastico, giudice onorario minorile, presidente della Sezione Montessori di Perugia, presidente del Comitato Regionale Unicef dell’Umbria (per ben 20 anni), vice presidente dell’Associazione italiana Sclerosi multipla. Non sono che alcune significative tappe della sua esperienza di persona al servizio degli altri.

Vincenza Baldasserini ha ricoperto una pluralità di incarichi di responsabilità nel capoluogo umbro, la cui Amministrazione civica volle iscriverla (2004, con Stelio Zaganelli e Marcello Grego) nell’Albo d’Oro dei cittadini eccellenti. La sua esperienza di infaticabile animatrice all’interno dell’Unicef resta una delle pagine più limpide e memorabili nella vicenda della meritoria organizzazione per l’infanzia. Aveva pubblicato la propria autobiografia, dal titolo “Persone” (presso Morlacchi editore, con la curatela di Sandro Allegrini). Si tratta di un volume in cui le scansioni personali della vita dell’autrice s’intrecciano strettamente con le vicende cittadine di oltre mezzo secolo. Anche in ragione delle molteplici attività svolte a tutela dell’infanzia. Sia nella veste di medico pediatra che come responsabile dei servizi sociali e scolastici.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L’ampia notorietà della dottoressa Losito deriva anche dal suo ruolo di “inventrice” dell’Unicef Umbria, che ebbe la prima sede proprio nell’appartamento di viale Pellini. Dove Vincenza Losito si prese cura di bambini in difficoltà, addirittura ospitandoli nella sua abitazione, al fianco dei propri figli. Vincenza Losito Baldasserini è stata la prima pediatra donna della nostra città (dove ha esercitato la professione per tantissimi anni). Si ricordano le note battaglie per le vaccinazioni, oltre all’opera instancabile di cura e sostegno a favore dei bambini della famiglie disagiate. Perugia la ricorda presente agli eventi benefici e culturali, sempre pronta a fornire un contributo di esperienza e generosità. Le esequie si sono tenute nella chiesa di S. Andrea, in Porta Santa Susanna, nel giorno del patrono Lorenzo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, due persone in mezzo alla strada tirano calci alle auto: ma uno dei due finisce al "tappeto" (le foto)

  • Doveva restare in quarantena, ma un camionista ha continuato a lavorare: poi il malore, era positivo al coronavirus

  • Coronavirus, la mappa del contagio in Umbria al 3 aprile: tutti i dati per comune

  • Coronavirus Umbria, il bollettino del 7 aprile: frenano ancora i contagi, sei nuovi decessi

  • Coronavirus, altre due vittime in Umbria: lutto a Perugia e Castiglione del Lago

  • Battuta di pesca illegale nelle acque del Trasimeno: sorpresi con 150 chili di carpe e multati per 4mila euro

Torna su
PerugiaToday è in caricamento