Mostro di Foligno, Luigi Chiatti è pericoloso socialmente: niente ritorno in libertà

Niente ritorno in libertà dopo il fine pena per Luigi Chiatti, il Mostro di Foligno, che è ancora oggi considerato pericoloso socialmente

E' pericoloso socialmente e non può tornare in libertà da settembre 2015. Luigi Chiatti, il Mostro di Foligno, non è pronto per tornare a vivere fuori ad un carcere o una struttura protetta. La decisione è stata presa dal Magistrato di Sorveglianza sulla base delle valutazioni fatte su Chiatti nel carcere di Prato dove è attualmente detenuto. Per Luigi Chiatti era stato previsto un periodo senza limite di tempo in una struttura ospedaliera psichiatrica già dopo la sentenza definitiva di colpevolezza. Per almeno deve restare lì 3 anni ma dipendente tutto dal suo comportamento.

Lo stesso Mostro di Foligno ha ribadito recentemente di soffrire di incubi terribili, violenti e che teme il giorno in cui sarà rimesso in libertà. La cittadinanza e il Comune di Foligno aveva chiesto in caso di scarcerazione di non far ritornare in Umbria Luigi Chiatti in rispetto delle famiglie delle vittime.

LA MOTIVAZIONE - Luigi Chiatti è ancora pericolo perchè non ha preso mai veramente coscienza e consapevolezza di quello che ha fatto e anche quando ne parla lo farebbe con fare distaccato, freddo e inserito in un contesto delirante dove è in corso una guerra tra il bene e il male. Non si è mai detto veramente dispiaciuto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Maltempo e freddo, prima nevicata dell'inverno 2019: il bollettino e le aree che saranno imbiancate

  • Si perde nella palude per inseguire un animale, cane salvato dai vigili del fuoco

  • Aereo guasto atterra e si schianta, morti e feriti: la super esercitazione all'Aeroporto di Perugia

  • "Mi ha ridotto così divertendosi": Caterina denunciando tutto è riemersa dall'abisso: massacrata ma viva

  • Tragedia a Mantignana: muore pedone investito da un'auto, inutili i soccorsi

  • Scontro tra bus e auto, un ferito a Todi

Torna su
PerugiaToday è in caricamento