Inchiesta sanità - Le false accuse per "bastonare" la primaria ribelle di Pediatria

Dalle intercettazioni emerge un quadro "ritorsivo" perché la professoressa Esposito non faceva quanto richiestole

La richiesta di misura cautelare “si occupa anche di ipotesi di abuso di ufficio che sono poste in essere nell’ambito della contrapposizione interna all’azienda ospedaliera tra la dirigenza amministrativa e il primario del reparto di pediatria, Susanna Esposito”.

Mentre l’indagine scaturita dalle denunce della professoressa Esposito, dalle intercettazioni emergerebbero le strategie poste in essere dalla dirigenza, in particolare da Duca, Valorosi e Pacchiarini per controbattere alle accuse della Esposito. 

Sanitopoli 4.0. -  In Umbria concorsi pilotati, 35 persone iscritte nel registro degli indagati: i nomi 
Inchiesta sanità - Candidati da sistemare ad ogni costo, anche davanti alla "concorrente più brava", ma senza sponsor

L’origine del contrasto sarebbe nelle presenza del professor Orlacchio, associato di genetica medica, nel reparto di pediatria, nonostante le sue competenze non avessero nulla a che fare con quel reparto. Con tanto di esposto anonimo per verificare l’ipotesi di truffa allo Stato, in quanto il medico prendeva lo stipendio senza svolgere attività in reparto. 

Inchiesta Sanità, le intercettazioni che mettono nei guai Marini, Bocci e Barberini: ecco le assunzioni pilotate

Il medico aveva spiegato che si trattava di un’assegnazione temporanea, ma che nonostante le sue innumerevoli richieste di trasferimento, con danno professionale per lui stesso, erano rimaste inevase da parte della dirigenza dell’Azienda ospedaliera.

Secondo l’Azienda ospedaliera era compito del primario trovare qualcosa da fare al medico e che comunque le valutazioni erano positive.

Il primario, la professoressa Esposito, aveva segnalato il problema alla dirigenza in più occasioni, ottenendo la promessa che avrebbero risolto tutto. E visto che la situazione non si modificava, la Esposito non valutava l’attività del medico in reparto.

Secondo gli investigatori a questo punto la commissione disciplinare apriva un procedimento contro il primario, contestando la cattiva gestione del medico in reparto, l’utilizzo scorretto del badge e attività extramoenia in giorni non consentiti. Con conseguente provvedimento di sospensione per quattro mesi e multa di 350 euro.

Nelle intercettazioni emergerebbe che tutto quanto sarebbe stato architettato per dare alla professoressa Esposito “una bastonata di quelle forti che si fa male” attraverso il controllo dei “tabulati orari … fatti mandare i tabulati orari dell’ultimo anno e mezzo”, concordando che le “eventuali contestazioni disciplinari che potrebbero fondarsi sulla mancata corretta timbratura del cartellino” sarebbe una “violazione comune a tutti i primari”.

Secondo i pubblici ministeri i dirigenti “avrebbero aperto il procedimento disciplinare con finalità meramente ritorsiva e piegando la funzione amministrativa per scopi del tutto estranei all’interesse pubblico”.

Potrebbe interessarti

  • Casa in disordine, addio: ecco le tecniche per imparare a mantenere tutto a posto

  • Laghi dell'Umbria, quelli balneabili e quelli dove godersi la natura

  • La passione per il vino porta David e Victoria Beckham in Umbria

  • Infarto, quando si presenta e come intervenire

I più letti della settimana

  • Travolta da un'onda e sbattuta contro lo scoglio: Sofia muore a 22 anni

  • Perugia, trovato morto in casa con la gola tagliata: indagini in corso

  • Don Matteo torna a Spoleto e gli albergatori chiedono il conto al Comune

  • Umbria, trovato cadavere in un campo: indaga la polizia scientifica

  • Nomine & Poltrone - Concorso per presidi, ecco i nomi dei 37 nuovi dirigenti scolastici in Umbria

  • Magione, incidente stradale tra tre auto a Montebuono: due feriti

Torna su
PerugiaToday è in caricamento