Città di Castello, stufa a legna difettosa: 2 intossicati da monossido

Dopo il caso di San Giustino, con ben nove pazienti ricoverati, a Città di Castello, altre due persone sono state portate in ospedale per intossicazione da monossido

Due persone sono rimaste intossicate, martedì, in un'abitazione di Città di Castello a causa delle esalazioni del monossido di carbonio. Si tratta di una donna di 52 anni e di un uomo di 76 e i due sono stati ricoverati all'ospedale. E' il secondo caso in pochi giorni dopo le nove persone soccorse a San Giustino.

Secondo quanto riporta l'Ansa, sono stati loro stessi a lanciare l'allarme ai sanitari del 118. Insieme ai soccorsi medici, sul posto sono intervenuti anche i vigili del fuoco. Il monossido, secondo una prima ipotesi, si sarebbe sviluppato da una stufa a legna.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, la mappa del contagio in Umbria all'1 aprile: tutti i casi per comune di residenza

  • Coronavirus, bollettino regionale del 29 marzo: 1023 contagiati, cresce il numero dei guariti, 'solo' in 46 in terapia intensiva

  • Coronavirus, quando finirà l'emergenza? Le previsioni per l'Umbria

  • Coronavirus, bollettino regionale Umbria 31 marzo: rallenta il contagio, aumenta invece il numero dei guariti

  • Coronavirus, il bollettino in Umbria 2 aprile. Altri segnali positivi: aumentano i guariti e 4mila fuori dall'isolamento, contagiati di nuovo in calo

  • Coronavirus, bollettino regionale del 30 marzo: diminuiscono i contagiati, solo 28 in più nelle ultime 24 ore

Torna su
PerugiaToday è in caricamento