Santa Maria della Misericordia: ricostruito il pene di un paziente

L'intervento ha interessato un uomo di 61 anni affetto da una rara forma di tumore cutaneo. L'azienda ospedaliera: "Potrà avere una propria attività sessuale"

Ospedale Santa Maria della Misericordia

Straordinario intervento chirurgico presso l'ospedale Santa Maria della Misericordia di Perugia. L'apparato genitale di un paziente affetto da una rara forma di tumore cutaneo che interessava quasi completamente la cute dei genitali e parzialmente del pube e dell'inguine destro è stato completamente ricostruito. A realizzare la particolare e complessa operazione il professor Massimo Porena.

"Data la situazione estremamente compromessa e i danni arrecati dal tumore - si legge in una nota dell'Azienda ospedaliera - le due uniche possibilita' erano o praticare una amputazione del pene, oppure di ricorrere ad una ricostruzione con una particolare tecnica ripresa e perfezionata proprio da Massimo Porena, direttore della Clinica urologica ed andrologica dell'Universita' di Perugia". Aggiunge il professor Porena: "Fra poco piu' di 30 giorni l'uomo potra' avere una propria attivita' sessuale".

L'intervento si è svolto in due fasi. Nella prima fase è stato eliminato il tumore, con rimozione della cute che ricopriva il pene, il pube, l'inguine e la radice dello scroto. Durante la fase ricostruttiva, per ricoprire l'organo genitale, e' stata eseguita la nuova tecnica per la trasposizione del pene in una tasca ricavata all'interno dello scroto.

Una volta adattata la cute dello scroto alla forma del pene si sono attese quattro settimane per permettere una nuova rivascolarizzazione di tutti i tessuti prima di proseguire con la seconda fase dell'intervento. "In questo secondo tempo - spiega Porena - e' stato staccato il pene separando la cute che lo aveva ormai completamente ricoperto dal resto della cute scrotale, quindi e' stata mobilizzata la cute della parete addominale anteriore per ricoprire la perdita di sostanze provocata nella fase demolitiva per asportare completamente il tumore. Il risultato finale ha visto cosi' una completa ricostruzione di tutto l'apparato genitale che presenta ora un aspetto praticamente normale, ed ha riacquistato anche le funzioni sessuali che la presenza del tumore aveva del tutto abolito".
(AGI)
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cresima e comunione insieme, l'arcivescovo cambia tutto: niente padrini e madrine per tre anni

  • Pizza a lievitazione naturale, ecco le migliori pizzerie di Perugia

  • Carrefour sbarca in Umbria: ecco quanti saranno i punti vendita

  • Documento Unico di Circolazione e bollo auto, cosa è cambiato nel 2020

  • Bambina di 12 anni all'ospedale per mal di pancia, ma è incinta

  • Omicidio Polizzi, libero il killer Menenti. Il fratello della vittima pubblica le foto del cadavere: "Ecco come lo ha ridotto"

Torna su
PerugiaToday è in caricamento