L'INTERVENTO Massarelli: "Un centro storico con meno Ztl? Caro sindaco è un errore"

Non tutti sono amanti della rivoluzione della Ztl prevista dal sindaco Andrea Romizi per favorire l'ingresso in centro storico con meno vincoli soprattutto nel fine settimana

Non tutti sono amanti della rivoluzione della Ztl prevista dal sindaco Andrea Romizi per favorire l'ingresso in centro storico con meno vincoli soprattuto nel fine settimana. Se commercianti, studenti e anche molti residenti esultano perchè una città viva tiene lontano l'incubo del ritorno al nulla e dove c'è il nulla ci sono i clan dello spaccio e i fantasmi-clienti, c'è anche chi contesta questa operazione come l'associazione città di tutti. Ecco perchè...

Perugia Centro storico, rivoluzione Ztl e strisce blu: la città cambia in due mosse

********
 

di Renzo Massarelli  *presidente Associazione La città di Tutti

L’ennesima “rivoluzione” del traffico e della sosta programmata dal comune di Perugia tende a restringere ancora le residue misure di tutela del centro storico lasciando sempre più spazio all’uso dell’auto privata. Si tratta di una misura dannosa e, per certi aspetti, grottesca. Nelle vie della parte antica di Perugia si può transitare liberamente dalle 13 sino a mezzanotte e sostare poi senza nessun controllo e ulteriori limiti. La sosta selvaggia è un fenomeno in larga crescita un po’ ovunque. 

Non ci sono più ormai in Italia realtà simili, soprattutto nelle città d’arte. Queste nuove misure che limitano a soli cinque
giorni la presenza attiva delle telecamere della Ztl sono state presentate in modo piuttosto informale dalla Giunta e con l’obiettivo di migliorare “l’accessibilità” e salvaguardare presunti e tutti da dimostrare interessi dei commercianti. Il centro storico è vittima di una crisi progressiva da molti anni. Questa nuova amministrazione non ha un progetto complessivo che si proponga l’obiettivo di invertire questa tendenza, frenare la fuga dei residenti, favorire lo sviluppo di funzioni direzionali, migliorare la sicurezza e la qualità della vita, qualificare l’offerta commerciale. 

Da grande capitale tra le città medie di questo Paese, Perugia cammina velocemente verso la propria caricatura dove prevale una cultura provinciale e, talvolta, paesana. Questa amministrazione ha rispolverato vecchi progetti senza avviare un confronto con i cittadini e con le loro associazioni. Hanno deciso due commercianti all’interno della Giunta e due commercianti esterni alla Giunta. Nessuna svolta rispetto al passato, semmai, continuità.

La decisione di spostare le telecamere in Piazza Italia non ha alcun senso dal momento che quelle in uscita si trovano a poche centinaia di metri. Tanto vale a questo punto cancellare tutto il sistema e assumersi la responsabilità di questa decisione. Il progetto di far girare il traffico delle auto giorno e notte attorno all’unica zona verde dell’acropoli, in Piazza Italia, e di mettere a rendita lo spazio relativo alla sosta a favore della Sipa cacciando i residenti e gli ospiti degli alberghi non ha bisogno di un ulteriore commento. L’Associazione “La città di tutti” svilupperà nelle prossime settimane insieme a tutte le altre associazioni disponibili un ampio confronto con i cittadini per ridare voce e forme di protesta a chi immagina un altro futuro per la propria città.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Valle dei fuochi umbra, il sospetto dei cittadini: "Perchè Enel bonifica tutto proprio adesso?"

  • Attualità

    Sanità, niente più file ai Cup: basta una telefonata per prenotare le visite e chiedere informazioni

  • Attualità

    Scuola, in Umbria 900 docenti senza laurea rischiano il licenziamento in tronco

  • Cronaca

    Truffa colossale via mail con il trucco della falsa eredità, raggirati centinaia di cittadini: inviati falsi testamenti da inesistenti notai

I più letti della settimana

  • L'Umbria fa scuola in tutta Italia: i bulletti sospesi vanno ad aiutare gli anziani soli

  • Legge 104, lo strano caso dell'Umbria: "Un dipendente regionale su 5 ne usufruisce, più della Sicilia"

  • Umbria, approvato il calendario 2018-19: ecco quando si torna a scuola, tutte le feste e i ponti

  • Perugino in coma all'ospedale di Bangkok, l'appello della famiglia: "Aiutateci a riportarlo a casa"

  • Don Matteo 11, attesa per il gran finale di stagione: Terence Hill torna in Umbria

  • Bimba piccola muore per un' infezione, la famiglia chiede maxi risarcimento al medico

Torna su
PerugiaToday è in caricamento