Omicidio Rosi, interrogatorio: uno degli arrestati ammette stupro Resina

Durante l'interrogatorio in carcere davanti ai pm Duchini e Petrazzini, I.G avrebbe confessato lo stupro ai danni della 54enne durante la rapina perpetuata a Resina

Uno dei tre romeni arrestati per l'omicidio di Ramazzano, dove Luca Rosi, il bancario 38enne è morto per difendere la famiglia a Perugia, I.G. avrebbe ammesso lo stupro perpetuato a danno della 54enne durante la rapina di Resina.

Lo straniero avrebbe confermato la sua responsabilità, dopo che le tracce biologiche avevano dato agli inquirenti alcune certezze, che durante l'interrogatorio sono state confermate davanti ai pm Antonella Duchini e Giuseppe Petrazzini.

I. G. ha risposto alle domande sulla rapina di Resina, ma ha preferito, secondo il Giornale dell'Umbria, non rispondere alle domande sui tragici fatti di Ramazzano, scelta alla quale si è accodato anche A.R., l'altro romeno arrestato per l'omcidio di Ramazzano.

Guarda il video degli arresti e le parole di Bruno Rosi, appena ricevuta la notizia del fermo dei due romeni, avvenuto con un blitz all'estero.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il Senato assume personale, il concorso: primo stipendio da 1.726 euro al mese

  • Umbria, tragico schianto in moto: Francesco muore nell'incidente

  • Quando Cicciolina girava per il centro di Perugia mostrando le sue grazie ai passanti

  • Family Day Perugia, il cattolico Fora non firma il manifesto e accusa: "Chi sta con Salvini non può dirsi cristiano"

  • Tragedia nel bosco, muore cacciatore: inutili i soccorsi

  • Paura sul raccordo Perugia-Bettolle, anziano a piedi nella galleria tra San Faustino e Madonna Alta

Torna su
PerugiaToday è in caricamento