Muore sul lavoro a soli 55 anni: in due rischiano il processo per omicidio colposo

Omicidio colposo. E' questa l'accusa che la procura di Perugia ha mosso a due imputati per la tragica morte di un operaio avvenuta il 21 luglio 2017 in un'azienda a Valfabbrica

Immagine d'archivio

Omicidio colposo. E' questa l'accusa che la procura di Perugia ha mosso a due imputati per la tragica morte di un operaio 55enne avvenuta il 21 luglio 2017 in un'azienda a Valfabbrica.  Un drammatico incidente sul lavoro che costò la vita a Nassor Naceur,  un dipendente di 55 anni, deceduto per schiacciamento dopo essere rimasto incastrato nelle spire di una bobina della parte finale di un macchinario durante il quotidiano svolgimento del suo lavoro. 

Tragedia sul lavoro, muore schiacciato da un macchinario: inutili i soccorsi

Per quella tragedia, avviata come da prassi un’inchiesta, la procura di Perugia ha ora chiesto il giudizio a carico dell’amministratore delegato e del responsabile del Servizio prevenzione e protezione dell’azienda in cui lavorava l’operaio.  Secondo le indagini della procura ci sarebbero state delle violazioni nelle regole cautelari in materia di sicurezza, in particolare in relazione all’esatta predisposizione delle apposite misure di protezione precauzionali sul macchinario.  Presunte violazioni che avrebbero portato alla morte del 55enne. 

Tragico incidente sul lavoro, muore a 42 anni travolto da un camion

L’operaio morì per “shock meta traumatico secondario a schiacciamento del corpo”, Nonostante l'arrivo dei soccorritori, per il 55enne ogni tentativo di salvargli si rivelò purtroppo inutile: troppo gravi le ferite riportate.  Secondo la procura che ha chiuso le indagini e ha chiesto il rinvio a giudizio, l'ipotesi di reato per le due figure apicali dell'azienda è quella di omicidio colposo. Sarà ora il Gup a decidere in sede di udienza preliminare se ci siano o meno i presupposti per incardinare un processo penale. La famiglia dell'uomo è rappresentata dall'avvocato Andrea Castori. Gli indagati sono difesi dagli avvocati Alessandro Lucidi, Anna Spannò e Michele Gamboni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Artemisia, la bimba umbra dai lunghi capelli rossi, è già una star: dalle super griffe a Netflix

  • Ferrari 488 Pista, dalle corse alla strada: monta il motore V8 3.9 turbo, venduto a Perugia uno dei pochi esemplari prodotti

  • Umbria Jazz 2020, tutto il programma dell'Arena Santa Giuliana: ecco i big in concerto a Perugia

  • Ponte Rio, scontro tra auto: grave un 30enne

  • Mantignana, donna trovata morta in un appartamento: le indagini dei carabinieri

  • Acquasparta, avvistato branco di lupi. Il Comune: "Cittadini, fate attenzione"

Torna su
PerugiaToday è in caricamento