Inchiesta sanità, doppio round in Procura per Valorosi

L'ex direttore amministrativo dell'Azienda ospedaliera di Perugia faccia a faccia con i pm

Riprende questa mattina l'interrogatorio di Maurizio Valorosi, l'ex direttore amministrativo dell'Azienda ospedaliera di Perugia, dal 12 aprile agli arresti domiciliari nell'ambito dell'inchiesta sui presunti concorsi pilotati all'ospedale. Come lui, ai domiciliari da oltre due mesi, l'ex direttore generale Emilio Duca e il segretario del Pd, Gianpiero Bocci. La misura è stata, inoltre, ritenuta nuovamente necessaria anche per l'ex assessore regionale alla Salute, Luca Barberini, che il gip aveva rimesso in libertà-

Valorosi, assistito dall'avvocato Francesco Crisi, avebbe scelto di rispondere, passaggio dopo passaggio, alle contestazioni mosse dalla Procura che, sulla scorta di intercettazioni e filmati di telecamere nascoste, lo collocherebbe al centro, con Duca, di una sorta di sistema di gestione illecita dei concorsi pubblici per assunzioni e stabilizzazioni al Santa Maria della Misericordia.

Dopo il lungo interrogatorio sostenuto proprio da Duca, è stata la volta dell'altro indagato cruciale dell'inchiesta che vede tra gli indagati anche l'ex presidente della Regione, Catiuscia Marini, poi dimessasi. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nessuno vuole più indossare la toga? Esame da avvocato, domande al minimo storico

  • Muore a 39 anni schiacciato dal trattore, inutili i soccorsi

  • "Mi ha ridotto così divertendosi": Caterina denunciando tutto è riemersa dall'abisso: massacrata ma viva

  • Cadavere in un canale, sul posto Carabinieri e Vigili del fuoco

  • Ingegneri, architetti, scienziate e statistici: i laureati che mancheranno nei prossimi anni

  • Albero crolla e si abbatte su una casa e su un'auto

Torna su
PerugiaToday è in caricamento