Inchiesta sanità - Maxi sequestro di cellulari e profili social e spuntano cinque nuovi indagati: i nomi

La procura ha nominato due consulenti per analizzare tutto il materiale requisito

Telefoni, tablet, chiavette usb, computer e hard disk. La procura di Perugia ha sequestrato una ingente mole di materiale riferibile agli indagati dell’inchiesta sanità. Le acquisizioni riguardano anche account di posta elettronica, Whatsapp, Facebook, Messenger, Instagram e Telegram. 

VIDEO Inchiesta sanità, proseguono gli interrogatori. L'avvocato Brunelli: "Barberini ha dimostrato di non aver fatto raccomandazioni" 
Inchiesta sanità - Bocci e Valorosi in silenzio, Barberini parla e spiega: "Mai raccomandato nessuno"

I consulenti nominati dalla procura perugina dovranno passare al setaccio tutto il materiale a caccia di elementi utili per l’indagine. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Inchiesta sanità, Antonio Onnis nuovo commissario straordinario dell'azienda ospedaliera di Perugia

Intanto nell’inchiesta compaiono anche nuovi nomi e qualcuno di quelli che si trova nelle intercettazioni (lo riportano alcune testate cartacee e online): Reno Vitali, Alberto Palazzetti, Anna Cataldi, Tiziana Ceccucci e Patrizia Borghesi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Assembramenti e risse in centro e Fontivegge, ordinanza Romizi: chiusura anticipata locali e obbligo mascherine

  • Spettacolo in cielo, le Frecce Tricolori sorvolano Perugia: ecco l'orario

  • Le Frecce Tricolori nei cieli di Perugia, domani il grande giorno per ammirare la pattuglia acrobatica

  • Centro storico, assembramenti notturni in piazza Danti e in piazza IV Novembre: è polemica

  • LA LETTERA al sindaco. Ordinanza: "Non si interviene così: chi ha sbagliato paghi ma senza penalizzare noi commercianti"

  • Ad Umbertide apre un nuovo supermercato: 450 mq e una linea di prodotti tutta made in Umbria

Torna su
PerugiaToday è in caricamento