Inchiesta sanità, Romizi: "Quadro avvilente, danneggiati i più validi, minato ancora la fiducia dei cittadini. Ci costituiremo parte civile"

Il sindaco di Perugia dalla sua pagina Facebook: "Servono chiarezza e responsabilità, l’imbarazzo politico non basta"

"Ho preferito aspettare qualche giorno prima di dire la mia, da uomo, da padre e da sindaco, sul terremoto che sta travolgendo la sanità umbra". E' il sindaco Andrea Romizi, direttamente dalla sua pagina Facebook ha esprimere la posizione del Comune sulla vicenda che sta scuotendo la sanità umbra e i palazzi della politica regionale. E ancora: "La strumentalizzazione politica non mi appartiene - spiega il sindaco - , la nostra campagna elettorale continuerà a basarsi sui fatti prodotti nei cinque anni di amministrazione oltre che sui programmi futuri, ma credo che alcune rapide considerazioni siano doverose".

Non è finita qui: "Il quadro che sembra emergere è inquietante e avvilente: il "sistema” che affiora ha eroso le speranze, ha danneggiato i più competenti, ha minato ulteriormente la credibilità delle istituzioni, ha recato danno, in qualche modo, a ciascun cittadino dell’Umbria. Per questo, ribadendo la totale fiducia nell'operato della magistratura, valuteremo la costituzione del Comune di Perugia come parte civile nell'eventuale processo". 

Inchiesta sanità - Barberini e gli infermieri da sistemare, all'esame con le tracce e con i punti alzati 
Sanità, le intercettazioni. Marini: "Ce l'hai tutte? Ha da fa la selezione...". Duca "Qui ce so le domande"

Conclusione: "Ora servono chiarezza e responsabilità, l’imbarazzo politico non basta - conclude - Occorre che dalle macerie di questa inchiesta prenda il via una nuova stagione di speranza per tutti noi, perugini ed umbri". 

 

Leggi anche: Inchiesta sanità - La Finanza ascolta tutti i partecipanti ai concorsi. Il procuratore: "Gara per fermare l'indagine" 
Leggi anche: Inchiesta sanità - Le false accuse per "bastonare" la primaria ribelle di Pediatria

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Boato nella notte, salta in aria la vetrina del negozio di Acqua&Sapone di Madonna Alta

  • Pranzo della Comunione per 60 persone, ma nessuno paga il conto: nonno sotto processo

  • Schianto in galleria: grave una mamma, ferite lievi per i figli che viaggiavano con lei

  • Mariano Di Vaio, l'influencer-imprenditore che fattura milioni: nuova sede a Perugia

  • Incidente sulla E45, tir si ribalta e blocca la strada: un ferito, traffico bloccato

  • Umbria, dal fiume Nera riemerge un cadavere: indagini in corso

Torna su
PerugiaToday è in caricamento