Inchiesta Sanità - Nessun ritorno in libertà per Bocci: resta ai domiciliari

Il giudice per l'udienza preliminare ha confermato la misura cautelare degli arresti domiciliari per Gianpiero Bocci, ex segretario regionale del Pd

Non è bastato il faccia a faccia lungo oltre due ore per far tornare in libertà l'ex sottosegretario agli Interni, nonchè ex segretario regionale Dem. Gianpiero Bocci, indagato nell'ambito della maxi inchiesta sui concorsi truccati all'ospedale di Perugia. Resta, quindi, agli arresti domiciliari. 

Lo ha deciso il giudice per le indagini preliminari, Valerio D'Andria che ieri ha ascoltato Bocci - alla presenza dei legali David Brunelli e Alessandro Diddi - in un interrogatorio durato due ore in cui l'indagato ha cercato di chiarire la sua posizione in merito alle accuse che la procura gli muove, respingendo gli addebiti e spiegando di non aver mai consegnato le tracce ai candidati. Ma il gip ha rigettato la istanza della difesa che, invece, ha sostenuto il venir a meno della misura cautelare. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, la Regione conferma un caso sospetto in Umbria, una persona in isolamento

  • Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere: sintomi, contagio, la malattia e la prevenzione

  • Bollettino medico Coronavirus: "Nessun contagio in Umbria ad oggi". Si decide su scuole ed eventi

  • Coronavirus, caso sospetto donna ricoverata in isolamento a Perugia: i risultati del primo test

  • Coronavirus, sospetto contagio in Umbria: donna in isolamento all'Ospedale di Perugia, i risultati tra 24 ore

  • Coronavirus, l'Asl di Lodi segnala la presenza di una donna a rischio in Altotevere: "Non ha sintomi, ed ha lasciato l'Umbria"

Torna su
PerugiaToday è in caricamento