Inchiesta Sanità - Nessun ritorno in libertà per Bocci: resta ai domiciliari

Il giudice per l'udienza preliminare ha confermato la misura cautelare degli arresti domiciliari per Gianpiero Bocci, ex segretario regionale del Pd

Non è bastato il faccia a faccia lungo oltre due ore per far tornare in libertà l'ex sottosegretario agli Interni, nonchè ex segretario regionale Dem. Gianpiero Bocci, indagato nell'ambito della maxi inchiesta sui concorsi truccati all'ospedale di Perugia. Resta, quindi, agli arresti domiciliari. 

Lo ha deciso il giudice per le indagini preliminari, Valerio D'Andria che ieri ha ascoltato Bocci - alla presenza dei legali David Brunelli e Alessandro Diddi - in un interrogatorio durato due ore in cui l'indagato ha cercato di chiarire la sua posizione in merito alle accuse che la procura gli muove, respingendo gli addebiti e spiegando di non aver mai consegnato le tracce ai candidati. Ma il gip ha rigettato la istanza della difesa che, invece, ha sostenuto il venir a meno della misura cautelare. 

Potrebbe interessarti

  • Igiene del letto, quante volte cambiare le lenzuola?

  • Lavastoviglie pulita e profumata, ecco i rimedi naturali

  • Grande Fratello 2019, vince la concorrente umbra Martina Nasoni

  • Invasione di formiche, come eliminarle con i rimedi naturali

I più letti della settimana

  • Quando iniziano i saldi estivi 2019, tutte le date regione per regione: il calendario completo

  • Tragico incidente stradale a Ponte Valleceppi, muore l'imprenditore perugino Massimo Bendini

  • Perugia, follia al Pronto Soccorso: familiare di un paziente aggredisce e colpisce in faccia un infermiere

  • Città di Castello, marito e moglie scomparsi: la ricerca finisce in tragedia, trovati morti

  • Incidente stradale a Castiglione del Lago, due feriti

  • Città di Castello, coppia di francesi scompare nel nulla: ricerche in corso

Torna su
PerugiaToday è in caricamento