Concorsi pilotati in Sanità. Le difese: "Barberini dimostrerà la sua innocenza". Marini: "Fiducia nella magistratura"

Trentacinque indagati nell'inchiesta della Procura di Perugia, 4 le misure di custodia cautelare

"È sereno e si dichiara assolutamente estraneo ai fatti contestati": lo ha affermato l'avvocato David Brunelli, difensore dell'assessore alla Sanita, finito insieme al segretario regionale del Pd, Gianpiero Bocci, agli arresti domiciliari nell'ambito dell'inchiesta sui presunti concorsi pilotati in magistratura. Indagata anche la presidente Catiuscia Marini e altre 32 persone, tra dirigenti e dipendenti della sanità.

"Ha la massima fiducia nell’operato della magistratura, che saprà accertare la sua estraneità alla vicenda". Il legale - anche di Bocci - ha annunciato le prossime mosse dell'assessore Barberini: "Si è autosospeso dal Partito Democratico e si dimetterà dall’incarico di assessore regionale proprio per permettere di fare la massima chiarezza e non intralciare in alcun modo l’attività di indagine. Un atto di responsabilità, rispetto al suo mandato di amministratore pubblico che ha sempre svolto con onestà e rigore".

Fiduciosa nella giustizia, pronta a collaborare con la magistratura e sicura che tutto si chiarirà si dice la presidente Catiuscia Marini, attraverso il suo legale, l'avvocato Nicola Pepe, che rinvia alla lettura degli atti ulteriori considerazioni e valutazioni. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Umbria, dramma in casa: uccide moglie e figlia e poi si toglie la vita

  • L'Umbria in tv, Linea Verde alla scoperta delle nostre meraviglie: quando vedere la puntata

  • Spray urticante nei corridoi del Pieralli, nove ragazzi in ospedale per lesioni

  • Volley, il centrale della Sir Safety operato all'ospedale di Perugia: il bollettino medico

  • Truffa del gratuito patrocinio, bufera su alcuni avvocati perugini

  • Segano una quercia e prendono la legna, peccato fosse del Comune: denunciati

Torna su
PerugiaToday è in caricamento