Incendio alla Gesenu, il M5S parla di "strane coincidenze" e chiede un'inchiesta

Il capogruppo Rosetti ha presentato una interrogazione direttamente al sindaco per far luce sull'accaduto e sui rischi. E su quei strani incendi che hanno preceduto ell'ex amministratore delegato di Gesenu, socio della Società Gesenu al 10% e attuale presidente del CDA di Viterbo Ambiente

Il capogruppo  del Movimento 5 Stelle, Stefania Rosetti, ha presentato una interrogazione direttamente al sindaco per far luce sull'accaduto e sui rischi. E su quei strani incendi che hanno preceduto ell’ex amministratore delegato di Gesenu, socio della Società Gesenu al 10% e attuale presidente del CDA di Viterbo Ambiente

******

di Cristina Rosetti

Forte è la nostra preoccupazione per le vicende che si sono susseguite in questi giorni. Ben tre incendi ai danni di impianti di trattamento meccanico biologico, uno in Via Salaria, ai danni dell’AMA di Roma, l’altro ai danni dell’impianto di trattamento meccanico e biologico di Casale Bussi Viterbo, gestito dalla società Ecologia Viterbo, ed infine quello ai danni dell’impianto di trattamento meccanico biologico di Ponte Rio, presso la sede Gesenu.

A seguire, sempre il 3 giugno, la notizia di arresti eccellenti, quale quello dell’ex amministratore delegato di Gesenu, socio della Società Gesenu al 10% e attuale presidente del CDA di Viterbo Ambiente, associazione temporanea di imprese nata dall’unione della Società Cosp Tecno Service e Gesenu S.p.A. Ci chiediamo se vi sia un comune denominatore tra i predetti episodi, stante anche le comuni partecipazioni societarie, o se la concomitanza sia frutto di pura coincidenza.

Per vederci più chiaro e in attesa che siano gli enti competenti ad occuparsi di eventuali connessioni tra le vicende, abbiamo depositato un’interrogazione con cui chiediamo al Sindaco e alla Giunta di fare chiarezza sulle cause dell’incendio e sull’oggetto dello stesso, di riferire, con produzione della documentazione rilevante, sullo stato di manutenzione degli impianti oggetto dell’incendio, su quali sostanze sono state riscontrate nell'aria durante e dopo l'incendio, sulle misure adottate da tutti gli enti competenti, al fine di informare prontamente i cittadini e miranti alla tutela della salute e dell’ambiente, su quali precauzioni sono state prese a tutela dei lavoratori.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Depositato anche un ordine del giorno urgente con cui impegniamo Sindaco e Giunta ad attivarsi prontamente per comprendere i reali contorni della vicenda Viterbo Ambiente e le eventuali implicazioni, anche di natura contrattuale, per la Società Gesenu S.p.A., ad adottare tutte le misure necessarie alla tutela degli interessi dei cittadini di Perugia, a valutare eventuali azioni, anche giudiziali, per la tutela degli interessi del Comune e della partecipata, a riferire prontamente al Consiglio Comunale sulla vicenda e sulle misure adottate.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, purtroppo altre 3 persone decedute negli ospedali di Foligno, Pantalla e Terni. Sono 24 in Umbria

  • L'Umbria apre tutte le sue bocche di fuoco contro il virus: test rapidi, 2mila tamponi al giorno e 25mila controlli mirati

  • Coronavirus, dalla spesa alle scarpe: le risposte dell'Istituto superiore di sanità sul contagio

  • Coronavirus, bollettino regionale del 29 marzo: 1023 contagiati, cresce il numero dei guariti, 'solo' in 46 in terapia intensiva

  • Coronavirus, bollettino medico del 26 marzo: in Umbria 20 morti, 802 contagiati e 12 clinicamente guariti

  • Coronavirus, quando finirà l'emergenza? Le previsioni per l'Umbria

Torna su
PerugiaToday è in caricamento