Incendi, 2012 anno di fuoco per l'Umbria: in fumo oltre 1.500 ettari di bosco

Nel 2012 nella Regione Umbria si sono verificati 190 incendi boschivi che hanno mandato in fumo 1.536 ettari di bosco. Questo il responso della Forestale dopo le operazioni di perimetrazione

Le tracce del fuoco sulla Somma

Sono 190 gli incendi rilevati in Umbria alla data del 15 ottobre scorso. Nel 2012 si è verificata in Umbria una sensibile accentuazione del fenomeno degli incendi boschivi, andando a ritroso occorre risalire al 1993 per trovare un'annata simile per gravità e numero di incendi (189  con 1.953 ettari  bruciati). 

Più 93% rispetto agli ultimi 5 anni- In confronto alla media degli ultimi cinque anni si registra un incremento del 93% in  numero e di ben cinque volte in superficie. Rispetto al 2007, il più recente tra i peggiori anni della serie storica, l’incremento è del 19% in numero (160 gli incendi  nel 2007) e del 52% in superficie ( 1.007 ettari nel 2007).    

Incendi raddoppiati- Al raddoppio del numero di incendi verificatisi nell’anno hanno contribuito certamente le particolari condizioni climatiche che hanno facilitato l’innesco e l’espandersi degli incendi.

Roghi favoriti dalla siccità- Un sensibile incremento del fenomeno si è registrato già a fine inverno e prima del risveglio primaverile della vegetazione favorito dal deficit idrico, del 38% rispetto alla media delle precipitazioni annuali, con  cui si era chiusa l’annata precedente. 

2012: la seconda estate più calda dal 1800- Gli incendi di questo periodo sono un fenomeno tipico delle regioni del nord e prealpine, per  l’Umbria costituiscono un'anomalia. Successivamente l’estate 2012, secondo il CNR, è stata la seconda estate più calda dal 1800 ad oggi, con un'anomalia di + 2,3 gradi rispetto alla media del periodo di  riferimento 1971-2000, più calda è stata solo l’estate del   2003. La stagione è stata  caratterizzata da sette successive ondate di  calore originate dagli anticicloni africani, quasi ininterrotte l’una  dall’altra, che hanno mantenuto la temperatura su valori medi elevati. 

Assenza di piogge- L’estate 2012 ha fatto registrare importanti anomalie per quanto riguarda le precipitazioni, ossia l’assenza di piogge. Secondo il CNR si è chiusa con un deficit a livello nazionale del 48% rispetto alla media, collocandosi all’undicesimo posto tra le estati  più siccitose degli ultimi 200 anni.  

Provincia di Perugia- Nel 2012 si sono sviluppati 128 incendi pari al 67% del totale regionale per una superficie boscata complessiva  di circa 680 ettari, pari al 44% della superficie totale regionale andata in fumo. 

Incendi peggiori ad Acquasparta e sulla Somma di Spoleto-  In provincia di Terni con 62 incendi, pari al 32% del totale regionale, si sono registrati i danni peggiori per quanto riguarda la superficie  boscata andata in fumo, risultata di  ben 850 (ottocentocinquanta) ettari,  pari al  55% della totale regionale. Nel  2012 in soli due  incendi, con analoghe  superfici, sono andati in fumo circa cinquecento ettari  di bosco, rispettivamente in località Priorato del Comune di Acquasparta (TR) con inizio il 19 luglio e della durata di tre giorni,  l’altro incendio, iniziato il giorno successivo dalla località di Molinaccio a Spoleto sulla Somma, si è poi sviluppato  nei  tre  giorni  seguenti nelle adiacenti superfici boscate del Comune di Terni in località  Cecalocco e La Castagna.

Aumentano gli "incendi dell'uomo"- In Umbria si evidenzia nell’anno in corso un notevole incremento degli incendi boschivi di interfaccia, cioè di incendi che interessano zone dove strutture e costruzioni create dall’uomo si compenetrano e si sovrappongono con aree boscate o con vegetazione combustibile, con conseguente  pericolo per l’incolumità delle persone e cose. In alcuni casi è stato necessario ricorrere anche allo sgombero di abitazioni, come  a Villa di Magione, o di un intero paese come sulla Somma ed alla  chiusura di strade anche per lunghi periodi. In provincia di Perugia sono risultati il 29% rispetto al 21% dell’anno precedente.

170 missioni aeree- Nell’estate trascorsa l’elevata velocità di propagazione del fuoco,dovuta all'estrema siccità della vegetazione, ha reso problematico lo  spegnimento degli incendi con le sole forze a terra, in conseguenza per ben 69 incendi, pari al 36% del totale, si è dovuto ricorrere al  supporto di mezzi aerei. Sono state 170 le missioni effettuate da aeromobili del COAU della Protezione Civile su  richiesta della Sala Operativa Unica Permanente  gestita dal C.F.S., di  cui  nr. 112  con  Canadair,  nr. 23  con  elicottero  S 64 F Ericsson del CFS,  nr. 27  con elicottero  CH 47 dell’Esercito,  nr. 7  con  elicottero  AB412 dei Vigili del Fuoco, nr. 1  con  elicottero  AB412 del C.F.S.. Sono state inoltre  49 le missioni effettuate su 37  incendi dall’elicottero  NH 500  del  C.F.S.  che  anche  nell’anno  trascorso,  in  base a convenzione tra Regione Umbria e Corpo Forestale dello Stato è stato dislocato dal 17 luglio al 17 settembre presso l’aeroporto di Foligno.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L’elicottero regionale ha dovuto effettuare nel 2012 un totale di ore di volo superiore del 50%  rispetto alle 100 previste dalla  convenzione, stimate sui dati delle  annate  precedenti. Oltre allo spegnimento ha effettuato altresì missioni per monitorare la stabilità  delle  pendici  incendiate, con tecnici dell’ANAS e della Protezione Civile e per altre necessità di protezione civile.

Raddoppiare gli sforzi- Il 2012 ha messo a dura prova la collaudata macchina organizzativa messa in piedi dalla Regione Umbria, ente  competente in materia, prevista nel  Piano antincendio boschivo regionale di  cui alla legge 353/2000. Per poter fronteggiare  l’emergenza incendi nei mesi di luglio e agosto è stato necessario  raddoppiare lo sforzo del personale impegnato, appartenente ai  Vigili del Fuoco, alle Comunità Montane, Corpo Forestale dello Stato, Servizi Foreste e Protezione Civile della Regione, inoltre le  numerose Associazioni di volontariato impegnate nell’avvistamento e perlustrazione su tutto il territorio regionale.  





 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Assembramenti e risse in centro e Fontivegge, ordinanza Romizi: chiusura anticipata locali e obbligo mascherine

  • Coronavirus in Umbria, la mappa del contagio al 19 maggio: tutti i dati comune per comune

  • Contrordine da Roma, dalle 13 siamo una regione a rischio basso, quindi virtuosa. Ora nel mirino: la Valle d'Aosta

  • Coronavirus e movida violenta a Castel del Piano, in venti ubriachi al bar e scoppia la rissa: quattro arresti

  • Continua la campagna anti-Umbria sui contagi, ma il bollettino smentisce tutti: zero contagiati anche oggi, zero morti

  • Centro storico, assembramenti notturni in piazza Danti e in piazza IV Novembre: è polemica

Torna su
PerugiaToday è in caricamento