Aeroporto Perugia, inaugurata sede vigili del fuoco: si punta a rapidità ed efficienza

Inaugurato, nella giornata di venerdì 23 novembre 2012, il distaccamento dei vigili del fuoco all'aeroporto di Perugia: il San Francesco d'Assisi. Presenti autorità ed istituzioni

Inaugurata la sede dei vigili del fuoco all'aeroporto di Perugia, inaugurato lo scorso 10 novembre. Il distaccamento è stato consegnato al Comando di Perugia dalla SASE il 20 giugno 2012 e fa parte della nuova aerostazione, realizzata su progetto dell’architetto Gae Aulenti nell’ambito delle iniziative di celebrazione dei 150 anni dello Stato italiano.

Vecchia sede inadeguata- La nuova sede ha permesso ai Vvf di abbandonare la sistemazione precedente, del tutto inadeguata sia per gli aspetti di igiene e sicurezza sia per gli spazi e la distribuzione degli ambienti.



I dettagli- La sede è costituita da un corpo di fabbrica ad L di circa 1500 m2. La parte destinata alla presenza di personale si sviluppa su tre piani fuori terra. Il personale attualmente assegnato alla sede è pari a 60 unità, numero adeguato alle disposizioni vigenti per la VII^  categoria ICAO (International Civil Aviation Organization) alla quale è stato abilitato l’aeroporto.

Rapidità- Le squadre per il soccorso aeroportuale sono organizzate in modo tale che, in caso di incidente aereo devono essere pronte a intervenire in modo rapido ed efficace. Per questo dispongono di automezzi e veicoli che garantiscono velocità, facilità di manovra e grande capacità di spegnimento

Il parco automezzi, in linea con le disposizioni ICAO, è costituito da:
2 idroschiuma modello Poseidon;
2 idroschiuma polvere modello Dragon
1 automezzo polisoccorso (ASA)
1 autobotte da 25.000 litri
altri mezzi di supporto.

Gli interventi di soccorso svolti sono stati:
-un intervento a seguito di incidente di volo;
-un intervento per surriscaldamento del carrello;
-due interventi per allarmi che non hanno determinati successive attività di soccorso.

4 esercitazioni- Dalla data di  presa in consegna della sede sono state svolte anche 4 esercitazioni a seguito di specifici scenari incidentali che vedevano coinvolti aeromobili  ed  i loro passeggeri in concorso con gli altri enti aeroportuali.

Intervento in 3 minuti- La sede è di proprietà della società concessionaria SASE che, in base alle norme vigenti, provvede al pagamento delle utenze ed alla manutenzione dell’immobile e dei relativi  impianti. La posizione della stessa è stata individuata sulla base dei parametri stabiliti per il soccorso in ambito aeroportuale, tenendo cioè conto che  del fatto che i mezzi VF  debbono poter raggiungere entro tre minuti dalla chiamata di soccorso ogni zona del sedime aeroportuale.

Riserva idrica- In adiacenza alla sede è anche presente una riserva idrica da  40  mc. del tipo idoneo per il rifornimento rapido (per caduta) dei mezzi di soccorso. Per la gestione della attività di soccorso la sede VF è collegata , con continuità, con sistemi radio, telefonici e telematici con la Torre di controllo e con gli altri Enti aeroportuali.

La cerimonia di  inaugurazione  è  stata presieduta dal Capo Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del soccorso pubblico e della difesa civile del Ministero dell’Interno Prefetto Francesco Paolo Tronca, con la presenza  del Prefetto di Perugia Vincenzo Cardellicchio, del Capo del Corpo Nazionale dei vigili del fuoco Dott. Ing. Alfio Pini, del Direttore regionale dei vigili del fuoco per l’Umbria Dott. Ing. Gioacchino Giomi, e del Comandante Provinciale di Perugia Dott.Ing. Stefano Marsella, dei funzionari e del personale del  Comando ed ovviamente le autorità civili, militari e religiose.  

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, la Regione conferma un caso sospetto in Umbria, una persona in isolamento

  • Bollettino medico Coronavirus: "Nessun contagio in Umbria ad oggi". Si decide su scuole ed eventi

  • Coronavirus, due tamponi positivi in Umbria. La Regione: "Casi d'importazione, non rinconducibili a focolai locali"

  • Coronavirus, caso sospetto donna ricoverata in isolamento a Perugia: i risultati del primo test

  • Coronavirus, sospetto contagio in Umbria: donna in isolamento all'Ospedale di Perugia, i risultati tra 24 ore

  • Coronavirus, l'Asl di Lodi segnala la presenza di una donna a rischio in Altotevere: "Non ha sintomi, ed ha lasciato l'Umbria"

Torna su
PerugiaToday è in caricamento