Giudici accoltellati in tribunale, perizia sull'aggressore: "Capace di intendere e di volere, ma non ha premeditato"

Nuova udienza dinanzi al gip di Firenze per Roberto Ferracci, il 53enne che nel settembre scorso entrò negli uffici del tribunale di Piazza Matteotti e ferì due giudici

Roberto Ferracci, il 53enne di Spello che il 25 settembre scorso si introdusse negli uffici del tribunale civile di Perugia armato di coltelli, ferendo due giudici, è “capace di intendere e di volere al momento del fatto”.  E’ quanto emerge dalla perizia del perito incaricato dal tribunale di Firenze, dottor Tannini, che ha comunque escluso la premeditazione dell’evento da parte dell’imputato riconoscendo, tuttavia, capace di intendere e volere il Ferracci al momento del fatto.

Giudici accoltellati in tribunale, la verità dalla perizia psichiatrica“

In udienza dinanzi al gip di Firenze, la difesa –avvocato Silvia Olivieri – “ha contestato la mancanza dei necessari approfondimenti tecnici,stante anche la assenza di colloqui con il servizio psichiatrico del carcere, con quello del CSM di Foligno e con il nucleo familiare”. La difesa dell'imputato, “viste le risposte non esaurienti del perito e la relazione poco approfondita”, ha chiesto la nomina di un nuovo perito. Istanza non accolta dal gip, che ha rinviato l’udienza al prossimo 9 febbraio per la discussione.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Giudici accoltellati in tribunale, il pm chiede di processare subito l'aggressore 54enne finito in carcere

Ferracci deve rispondere di tentato omicidio. Nella mattinata di lunedì 25 settembre si è introdotto nell'ufficio del giudice Francesca Altrui per aggredirla alle spalle con un coltello, per poi ferire il collega della donna, il magistrato Umberto Rana (intervenuto per salvarle la vita). E’ stato arrestato poco dopo dalla polizia con l'accusa di tentato omicidio pluriaggravato, lesioni e danneggiamento. L'uomo insieme alla famiglia era titolare dell'Hotel Julia, ormai fallito, tanto che l'immobile il prossimo novembre sarebbe tornato all'asta con un prezzo al ribasso rispetto al valore originale. Attualmente è detenuto a Capanne. I magistrati parti offese, si sono costituiti parte civile con l'avvocato Maresca.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Assembramenti e risse in centro e Fontivegge, ordinanza Romizi: chiusura anticipata locali e obbligo mascherine

  • Spettacolo in cielo, le Frecce Tricolori sorvolano Perugia: ecco l'orario

  • Le Frecce Tricolori nei cieli di Perugia, domani il grande giorno per ammirare la pattuglia acrobatica

  • Centro storico, assembramenti notturni in piazza Danti e in piazza IV Novembre: è polemica

  • LA LETTERA al sindaco. Ordinanza: "Non si interviene così: chi ha sbagliato paghi ma senza penalizzare noi commercianti"

  • Ad Umbertide apre un nuovo supermercato: 450 mq e una linea di prodotti tutta made in Umbria

Torna su
PerugiaToday è in caricamento