Finge di essere ragazza madre per accaparrarsi i contributi del Comune: a processo per truffa

In quattro anni avrebbe percepito dal Comune circa 18mila euro dopo essersi dichiarata ragazza madre, fino alla scoperta

Si sarebbe finta una ragazza madre per poter godere di agevolazioni e contributi del Comune di Assisi. Ed è così che una giovane donna, madre di un bambino di pochi anni, è finita a processo con l'accusa di truffa aggravata per il conseguimento di erogazioni pubbliche. 

La vicenda, dopo che il giudice per le indagini preliminari aveva disposto per l’imputata il decreto di rinvio a giudizio, è sbarcata questa mattina al tribunale di Perugia per la prima udienza dibattimentale. I fatti contestati vanno dal 2009 al 2013: secondo l'accusa la madre avrebbe "omesso" di indicare che il figlio era in realtà già stato riconosciuto dal padre,  inducendo così  in errore - si legge nelle carte - i funzionari del Comune i quali attribuivano il contributo mensile dall'anno 2008 all'anno 2013 di circa 18mila euro per l'assistenza alla ragazza madre.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'imputata (difesa dall'avvocato Ilario Taddei) finì sotto la lente della giustizia dopo un esposto del Comune che denunciò come il contributo non le fosse dovuto dal momento che il minore era stato riconosciuto anche dal padre. Ora dovrà difendersi anche dall'accusa di "falsa attestazione o dichiarazione ad un pubblico ufficiale sulla identità o su qualità personali proprie o altrui" per essersi dichiarata ragazza madre nelle domande di intervento assistenziale presentate annualmente al Comune, ora parte offesa nel procedimento penale. La prossima udienza è stata fissata al prossimo 4 ottobre. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, due persone in mezzo alla strada tirano calci alle auto: ma uno dei due finisce al "tappeto" (le foto)

  • Doveva restare in quarantena, ma un camionista ha continuato a lavorare: poi il malore, era positivo al coronavirus

  • Coronavirus, la mappa del contagio in Umbria al 3 aprile: tutti i dati per comune

  • Coronavirus Umbria, il bollettino del 7 aprile: frenano ancora i contagi, sei nuovi decessi

  • Battuta di pesca illegale nelle acque del Trasimeno: sorpresi con 150 chili di carpe e multati per 4mila euro

  • Coronavirus, altre due vittime in Umbria: lutto a Perugia e Castiglione del Lago

Torna su
PerugiaToday è in caricamento