Si sdraiò sul parcheggio di una discoteca e picchiò un agente: condannata, ma la difesa ricorre in appello

Una serata in discoteca con gli amici che presto si trasforma in una vera e propria escalation di follia. Con tanto di un processo penale e una condanna in primo grado (a tre mesi di reclusione per aver picchiato un carabiniere

Gli agenti invitarono la ragazza ad alzarsi e le chiesero se avesse bisogno di cure e di aiuto, ma lei, per tutta risposta, iniziò ad inveire contro i militari e contro i parcheggiatori. La ragazza fu fatta salire in macchina dei militari ed è a quel punto che iniziò a dare in escandescenza e a battere la testa contro il finestrino dell'auto. All'intervento di uno dei carabinieri, per evitare che continuasse a farsi volontariamente del male, la giovane reagì con un calcio in faccia al militare, provocandogli "una contusione con abrasione" al volto.   La ragazza finì a processo e condannata anche al risarcimento dei danni in favore della parte civile. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Umbria Jazz, colpo di scena: l'annuncio ufficiale, progetto per quattro concerti ad agosto

  • Covid-19, quattro positivi asintomatici da Brunello Cucinelli: "L'isolamento ha evitato la trasmissione del virus"

  • Coronavirus, bollettino regionale del 31 maggio 2020: zero contagi, 17 le persone ricoverate

  • Offerte di Lavoro per Perugia e provincia: addetti al supermercato, farmacisti, operai, autisti e baby-sitter

  • Coronavirus e Fase 2, nuova ordinanza della presidente della Regione Umbria: le attività che riaprono dal 3 giugno

  • Test sieroprevalenza: battere il Coronavirus, ma la metà degli umbri chiamati non risponde all'appello della Croce rossa

Torna su
PerugiaToday è in caricamento