Per non dimenticare l'orrore, studenti a lezione di Memoria: "Conoscere per prendere posizione"

Incontro tra educazione civica, storia nazionale e locale alla Di Betto. L’iniziativa s’inquadra nella cornice della Giornata della Memoria

Incontro tra educazione civica, storia nazionale e locale alla Di Betto. L’iniziativa s’inquadra nella cornice della Giornata della Memoria. “Memoria – dice lo storico Alberto Stramaccioni – che è qualcosa di diverso dal semplice ricordo”. “Memoria – spiega – è infatti acquisire consapevolezza, conoscere per prendere posizione”.

Un incontro con le classi prime dell’istituto d’arte perugino, introdotto dalla dirigente Francesca Cencetti, che sottolinea come le esperienze e le conoscenze maturate in età adolescenziale segnino indelebilmente i giudizi, i comportamenti, i valori dell’età adulta. “E questo – sottolinea – ci aiuta ad assumere un sentimento di civismo, appartenenza e identità”.

Non è un caso che dei manifesti affissi in città dicano “Dimenticare li fa tornare”. Poi lo storico della Stranieri rammenta che la data del 27 gennaio è legata a quel giorno del 1945, quando i liberatori sovietici entrarono nel campo di Auschwitz. “Voi giovani – avverte Stramaccioni – siete letteralmente sommersi, attraverso i social, da una valanga di informazioni, sparate spesso in forma acritica e in modalità casuali. Il punto è che le informazioni vanno adeguatamente contestualizzate. Altrimenti non si costruisce cultura e non si strutturano correttamente personalità mature”.

Passa quindi a tracciare un quadro generale, successivamente declinato in episodi di storia locale, come il salvataggio degli ebrei di Isola Maggiore ad opera di don Ottavio Posta, con la fattiva collaborazione della comunità di pescatori isolani.

Al termine dell’incontro, uno studente interpreta con convinzione un monologo scritto dal regista e attore torreggiano Stefano Baffetti, che su quell’episodio ha costruito uno spettacolo mai troppo lodato. Commento finale tra adulti: non capita spesso di trovare studenti delle prime superiori così interessati, corretti e coinvolti. Onore e lode agli educatori della Di Betto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Umbria, dramma in casa: uccide moglie e figlia e poi si toglie la vita

  • L'Umbria in tv, Linea Verde alla scoperta delle nostre meraviglie: quando vedere la puntata

  • Maltempo, il Comune di Perugia tiene chiuse scuole e Università: ordinanza del sindaco

  • Spray urticante nei corridoi del Pieralli, nove ragazzi in ospedale per lesioni

  • Volley, il centrale della Sir Safety operato all'ospedale di Perugia: il bollettino medico

  • Truffa del gratuito patrocinio, bufera su alcuni avvocati perugini

Torna su
PerugiaToday è in caricamento