Giornata della Memoria, Guasticchi: "Per futuro dell'umanità"

Marco Vinicio Guasticchi spende qualche parola per la giornata della memoria che si celebrerà domani, 27 gennaio per 2012, per non dimenticare Auschwitz

Il 27 gennaio2012, in occasione della Giornata della Memoria, il Consiglio Provinciale sarà Aperto: "La ‘memoria’ che si tiene desta di eventi tanto luttuosi che, come quelli della barbarie nazista, varrebbe la pena dimenticare del tutto è, in realtà, coscienza di un sogno di libertà, desiderio di abbracci fraterni, sentimento di appartenenza a un comune disegno di pace fra i popoli della terra. Sogni, desideri, sentimenti così forti e puri che nemmeno una repressione spietata come quella dei campi di concentramento hitleriani è riuscita a piegare, ad affievolire, ad annientare”.

Il presidente della provincia Marco Vinicio Guasticchi, interviene per sottolineare che questa data non verrà dimenticata: “Oggi, attraverso il Giorno della memoria, ne abbiamo una consapevolezza sempre più forte e netta così intensa che possiamo trovare il modo di trasmettere alle generazioni che ci seguiranno i sogni e le speranze bruciati sui reticolati e dissolti nelle camere a gas. Anche se  i testimoni diretti dell’Olocausto, pronti a raccontare in prima persona, inevitabilmente si affievoliscono, ciò che rimane delle loro vicende e delle loro lacrime diventa parola scritta nella pietra, atto di resistenza contro ogni ritorno di discriminazione razziale, pagina in cui la poesia ripete gli ultimi sospiri di chi ha tanto sofferto e invita, in mezzo al racconto di quel che accadde”.

Con questo spirito abbiamo inteso dedicare alla ricorrenza del 27 gennaio nient’altro che una pacata trasfigurazione del dolore in speranza, come solo le pagine della migliore letteratura italiana possono fare. Fra gli autori dai quali sono stati presi  i brani da leggere abbiamo rintracciato anche l’origine ebraica, a conferma del grande ruolo avuto da scrittori legati a quella cultura nella narrativa e nella poesia del Novecento”.

“La Provincia di Perugia – conclude Guasticchi - realizza questa testimonianza con una determinazione di unità che non conosce né limiti né riserve. L’intera Sala del Consiglio, cuore della nostra vita democratica, si stringe intorno al proprio emiciclo e risplende di una poesia senza tempo, di un canto senza dolore, di una memoria nella quale la ragione e la storia tornano a operare per il futuro dell’umanità”.   
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cresima e comunione insieme, l'arcivescovo cambia tutto: niente padrini e madrine per tre anni

  • Pizza a lievitazione naturale, ecco le migliori pizzerie di Perugia

  • Carrefour sbarca in Umbria: ecco quanti saranno i punti vendita

  • Documento Unico di Circolazione e bollo auto, cosa è cambiato nel 2020

  • Bambina di 12 anni all'ospedale per mal di pancia, ma è incinta

  • Omicidio Polizzi, libero il killer Menenti. Il fratello della vittima pubblica le foto del cadavere: "Ecco come lo ha ridotto"

Torna su
PerugiaToday è in caricamento