Gay Pride a Perugia, per la prima volta ci sarà la classica parata per le vie della città

Cambia la formula del Pride Village. L'Omphalos organizzerà una manifestazione itinerante: una grande parata sul modello dei Gay Pride internazionali

Per la prima volta a Perugia ci sarà una vera e proprio parata dell'orgoglio Lgbti (lesbiche, gay, bisessuali, trans* e intersex) che si snoderà a corteo per le vie principali della città. Cambia dunque il programma rispetto al passato: non più solo iniziative ai Giardini del Frontone, ma anche una colorata parata - sul modello delle grandi città e dei primi Gay Pride - per raggiungere più persone possibili. Obiettivo: inviare un messaggio di rispetto e di tolleranza. 

«Quest'anno abbiamo deciso di intraprendere una sfida ambiziosa – dichiara Stefano Bucaioni, presidente di Omphalos – il pride come accade nelle grandi città italiane e di tutto il mondo, non sarà più stanziale nel solo quartiere di Borgo Bello, ma attraverserà con una grande parata le principali strade e piazze di Perugia. Vogliamo abbracciare la nostra città, marciando per le sue vie principali e portando in strada il nostro orgoglio, i nostri corpi e le nostre rivendicazioni.»

Il successo delle edizioni precedenti, che hanno visto la partecipazione di migliaia di persone, decine di associazioni, sindacati, partiti e collettivi da tutta la regione e non solo, sarà la base di partenza per il "Perugia Pride 2018". Un evento che punta ad essere una delle più grandi manifestazioni per i diritti civili in Umbria. L'appuntamento è quindi fissato per sabato 30 giugno 2018.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Negli anni abbiamo costruito una rete solida – conclude Bucaioni – e siamo felici che ormai il Pride sia un appuntamento irrinunciabile per moltissimi umbri, LGBTI e non solo. Il Perugia Pride non riguarda solo le persone gay, lesbiche, trans* e intersex, ma l’intera comunità cittadina. Il Perugia Pride parla di uguaglianza, di diritti, di autodeterminazione, di inclusione, di laicità e per questo coinvolge una grande fetta della popolazione umbra che considera questi valori irrinunciabili. L'appuntamento è quindi fissato per sabato 30 giugno!»
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, la mappa del contagio in Umbria all'1 aprile: tutti i casi per comune di residenza

  • Coronavirus, due persone in mezzo alla strada tirano calci alle auto: ma uno dei due finisce al "tappeto" (le foto)

  • Coronavirus, quando finirà l'emergenza? Le previsioni per l'Umbria

  • Coronavirus, bollettino regionale del 29 marzo: 1023 contagiati, cresce il numero dei guariti, 'solo' in 46 in terapia intensiva

  • Coronavirus, la mappa del contagio in Umbria al 3 aprile: tutti i dati per comune

  • Coronavirus, bollettino regionale Umbria 31 marzo: rallenta il contagio, aumenta invece il numero dei guariti

Torna su
PerugiaToday è in caricamento