Volevano depredare da un prezioso sito archeologico i pali di recinzione: marito e moglie nei guai

La coppia è stata denunciata per furto aggravato in concorso. L'uomo, un anconetano di 47 anni, stava caricando i pali di legno nell'auto

Sorpresi dai carabinieri a caricare in auto alcuni pali di legno a protezione di un sito archeologico romano. A finire nei guai, una coppia di anconetani, che ora dovranno rispondere di furto aggravato in concorso. Tutto è partito a seguito di un controllo sul territorio da parte dei Carabinieri di Nocera Umbra, che mentre transitavano lungo la Flaminia, si sono subito insospettiti di quell'auto ferma in un luogo dove solitamente non sostano vetture.

Decisi a vederci più chiaro, hanno notato gli strani movimenti di un uomo intento a caricare dei pali in legno in auto (dove c'era una donna)  e hanno così provveduto alla loro identificazione, nei confronti dei quali sono emerse chiare responsabilità in ordine al furto. Non solo stavano tentando di rubare i pali avendoli già divelti, ma parte di questi erano stati già caricati nella loro vettura.  La coppia, marito e moglie di 47 e 44 anni, residenti in provincia di Ancona, sono stati denunciati a piede libero. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cresima e comunione insieme, l'arcivescovo cambia tutto: niente padrini e madrine per tre anni

  • Boato nella notte, salta in aria la vetrina del negozio di Acqua&Sapone di Madonna Alta

  • Carrefour sbarca in Umbria: ecco quanti saranno i punti vendita

  • Bambina di 12 anni all'ospedale per mal di pancia, ma è incinta

  • Pranzo della Comunione per 60 persone, ma nessuno paga il conto: nonno sotto processo

  • Schianto in galleria: grave una mamma, ferite lievi per i figli che viaggiavano con lei

Torna su
PerugiaToday è in caricamento