Lo show del ladro: chiama il 113 ma dimentica i dettagli, la polizia scopre la balla

Una balla colossale per nascondere il furto di un cellulare: 23enne denunciato

Una balla colossale per nascondere il furto di un cellulare. Ha chiamato il 113 poco dopo le 20, chiedendo aiuto alla polizia di Perugia: “Quattro stranieri mi stanno inseguendo, vogliono picchiarmi”. Così la Volante si è fiondata in via Eugubina per soccorrerlo. Al loro arrivo, però, gli agenti hanno trovato un 23enne algerino, visibilmente ubriaco. E lo show continua: il ragazzo risponde a malapena alle domande dei poliziotti e cerca di mandarli via. Ma gli agenti non abboccano e continuano a fare domande.

Il 23enne continua la storia e racconta alla polizia un pomeriggio di delirio: a casa dell'amico senza nome si accorge che uno degli ospiti ha in mano un cellulare uguale a quello del quale aveva denunciato il furto qualche tempo fa ai carabinieri di Castel del Piano. Così, prima ha chiesto gentilmente all’uomo di restituirglielo, poi, approfittando di un momento di distrazione lo ha afferrato ed è scappato dall'appartamento. Il proprietario del telefono, con altri quattro stranieri, a quel punto lo ha inseguito. Ma il 23enne è riuscito miracolosamente a scappare e a seminare il “branco”.

Gli agenti non hanno bevuto una sola parola e lo hanno perquisito: in tasca ha uno smartphone. Il 23enne, secondo la ricostruzione della Questura di Perugia, ha effettivamente sporto denuncia di smarrimento di un telefono, ma quello che ha in tasca è un cellulare diverso.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Data la fumosità della ricostruzione dei fatti riferita dall’algerino, scrive la polizia di Perugia, i precedenti a suo carico per minacce aggravate e l’assoluta incapacità di fornire anche vaghi elementi per individuare il luogo dell’appartamento e l’identità dei presunti aggressori, lo straniero è stato accompagnato in Questura e denunciato per ricettazione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Umbria Jazz, colpo di scena: l'annuncio ufficiale, progetto per quattro concerti ad agosto

  • Piante antizanzare da coltivare sul balcone o in giardino

  • Ad Umbertide apre un nuovo supermercato: 450 mq e una linea di prodotti tutta made in Umbria

  • Covid-19, quattro positivi asintomatici da Brunello Cucinelli: "L'isolamento ha evitato la trasmissione del virus"

  • Coronavirus, bollettino regionale del 31 maggio 2020: zero contagi, 17 le persone ricoverate

  • Umbria, il pitbull morde una persona in fila alla tabaccheria: la padrona fa finta di niente e se ne va, denunciata

Torna su
PerugiaToday è in caricamento