Fontivegge, Romizi e la strategia "ruspa e cultura": sarà abbattuta la palazzina dei pusher, nasce la casa dell'arte

Finalmente viene abbattuta una delle palazzine covo di clandestini e spacciatori. Per anni simbolo di illegalità e degrado. Salvo l'altro immobile che diventerà una casa-museo dell'arte

Comincia dalla sicurezza di quei luoghi ed edifici per anni  ritrovo di sbandati e tossici, la mega riqualificazione di Fontivegge che vede la Giunta Romizi in prima fila. E dopo il progetto del coworking e l'ex scalo merci, che nei progetti del Comune diventerà un centro di grafica avanzato, ecco che anche due palazzine ormai fatiscenti a ridosso della stazione del minimetrò, a Fontivegge, subiranno una profonda riqualificazione per dare una risposta - in termini di sicurezza - all'intero quartiere e alla città. 

Video - La passeggiata a Fontivegge, i residenti: "Vorremmo tornare a vivere come una volta"

Una di queste verrà abbattuta mentre l'altra diventerà una vera e propria "casa degli artisti", una residenza per poter ospitare il talento, l'arte e uno spazio permanente espositivo per le opere. Creando così un percorso virtuoso nato dalle ceneri di un edificio ormai della vergogna, gettato nel degrado e ricettacolo di tossicodipendenti e clandestini. 

VIDEO - La città, Romizi e Fioroni ai residenti: "Da dicembre muove i primi passi la nuova Fontivegge"

Le forze dell'ordine, da quanto non sono più abitate le palazzine, sono state costrette ad effettuare decine di sgomberi. Alla fine, per esasperazione, sono state murate finestre, porte e il lucernaio. Da quel momento la palazzina, almeno la facciata, era diventata terreno di scritte e disegni di vario genere. 

Fontivegge dalle parole ai fatti: apre il coworking dei giovani creativi e dei professionisti, più videosorveglianza

In queste ore due immobili completamente svuotati dopo anni di degrado: incredibile la quantità di rifiuti, materassi, suppellettili distrutti, tirati fuori nei giorni della grande pulizia. Ora finalmente si volta pagina togliendo spazi vitali ai clan dello spaccio che orbitano in piazza del Bacio . La strategia della Giunta va di pari passo con quella della Questura: individuare gli appartamenti covo della droga e dei clandestini e ripulirli tramite espulsioni e nuovi affitti regolari. 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Fratelli morti in casa, un doppio malore nella notte e uniti anche nell'ultimo giro di valzer

  • Cronaca

    Boato nella notte, commando fa saltare un bancomat: fuga con il bottino, devastati i locali

  • Attualità

    Percorso Verde intitolato a Leonardo Cenci: "La commissione approva"

  • Cronaca

    Senza permesso di soggiorno e con diversi precedenti, lavavetri stanato ed espulso

I più letti della settimana

  • L'idea di una super mamma perugina diventa un brand alla moda: "Realizzo abiti coordinati per genitori e figli"

  • Schianto all'alba a Perugia, auto si ribalta: 22enne in gravissime condizioni, l'amico in codice rosso

  • Papa Francesco nomina il nuovo vescovo ausiliare di Perugia: è monsignor Marco Salvi

  • Il Comune di Foligno cerca personale, assunzione a tempo indeterminato: il bando

  • Tragedia lungo la strada: auto vola nella scarpata, muore a 55 anni

  • Beccato con mezzo chilo di droga alla stazione: "Sono un soldato, mi serve per superare i traumi della guerra"

Torna su
PerugiaToday è in caricamento