Partita la raccolta fondi per la “Fondazione Sergioperlamusica”: ecco il progetto

Lo scopo dell'iniziativa è quindi quello di realizzare uno strumento efficace per prolungare idealmente il suo progetto e il messaggio culturale che ci ha lasciato

E’ partita la raccolta fondi per sostenere l’iniziativa della “Fondazione Sergioperlamusica”. Il progetto lanciato da Virgilio Ambroglini ha l’intento di creare le basi per progetti originali legati al mondo della musica come la promozione e il sostegno ai giovani artisti, borse di studio, produzioni musicali, concerti ed eventi musicali di alto profilo.I promotori hanno così deciso di scrivere una lettera aperta con l’intento di dare il via al crowfounding: 

"Qual è il migliore dei modi per celebrare un’idea e soprattutto per mantenerla viva? Sicuramente quello di affrontare il futuro che abbiamo davanti con lo spirito giusto. Ecco perchè la Fondazione SergioPerLaMusica noi la definiamo “una fondazione per la felicità”. Perché l’obiettivo è quello di sviluppare il progetto culturale e musicale ereditato dal patrimonio ideale di Sergio Piazzoli, realizzato nel corso degli anni, per perseguire il meglio per la nostra società e ampliare la formazione intellettuale e civile della comunità umbra attraverso occasioni di crescita collettiva. La Fondazione infatti nasce dall’affetto sincero e disinteressato di una moltitudine di persone che hanno voluto bene e hanno stimato “sergino”, per le sue capacità di promoter coraggioso, capace di assumersi i rischi connessi al suo mestiere, e per essere rimasto negli anni un uomo semplice e appassionato al suo difficile ma bellissimo lavoro. Un lavoro che ti fa sentire sempre giovane ed immortale, purtroppo non sempre però.

LO SCOPO - Lo scopo dell’iniziativa è quindi quello di realizzare uno strumento efficace per prolungare idealmente il suo progetto e il messaggio culturale che ci ha lasciato. L’eredità morale che è alla base della futura Fondazione è quella di operare affinché il territorio rimanga culturalmente e umanamente una comunità accogliente al nuovo e senza pregiudizi. E per farlo occorre stare tutti insieme per un progetto di rinascita culturale di Perugia e dell’Umbria, per ritrovare un senso di comunità, di appartenenza, una identità che ci dia l’orgoglio per arrestare questo declino morale, culturale, economico e politico. Occorre insomma dare speranza.

BUONI PROPOSITI - Per crescere e svilupparsi un progetto ha bisogno di impegno e dedizione e sostenere un'iniziativa di questo tipo significa pertanto migliorare la qualità della vita di tutti. Per questo ti chiediamo di sostenere la nostra idea. La Fondazione che nascerà (per questo occorre un fondo minimo di 20 mila euro per essere riconosciuta) non ha scopo di lucro. Il denaro raccolto rimarrà al suo interno per realizzare i nostri obiettivi e ogni socio potrà in ogni momento controllare l’uso che si farà di queste risorse.

IL CONTRIBUTO - La felicità, dicono, non ha prezzo. Certo. Ma in questo caso ce l’ha ed è davvero poco. Basta infatti solo un piccolo contributo per dare vita ad un prezioso fondo per la tutela della bellezza e per far sì che questa Fondazione possa rappresentare un accogliente luogo d'incontro, per far parlare le persone e farle ascoltare a vicenda, oltre a far in modo che succedano grandi cose. Ed in questo senso ci arrivano a sostegno le parole di Robert Wyatt, il grande musicista inglese che ha accettato di fare il presidente della Fondazione: 'L'arte e la musica possono derivare dalla profondità della nostra anima, ma funzionano solo in quanto idee che possiamo condividere'."

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La famiglia denuncia la scomparsa, i Vigili del fuoco cercano un giovane tra Collestrada e Ponte San Giovanni

  • Umbria, dramma in casa: uccide moglie e figlia e poi si toglie la vita

  • Incubo finito, ritrovato a notte fonda il minore scomparso

  • Maltempo, il Comune di Perugia tiene chiuse scuole e Università: ordinanza del sindaco

  • Maltempo, la Protezione Civile: chiuse strade e allarme per fiumi. "Ecco quando e dove si verificherà il picco della piena del Tevere"

  • Lo riconosce e lo accompagna dai carabinieri, ritrovato il giornalista Giovanni Camirri

Torna su
PerugiaToday è in caricamento