Foligno: semina il terrore in una scuola con una finta bomba, arrestato e rinchiuso ai domiciliari

L'uomo si era barricato nella scuola della figlia. L'intero istituto era stato evacuato. Dopo una lunga trattativa, la polizia e il magistrato sono riusciti a far uscire il 55enne dalla scuola

Nella mattinata del 9 ottobre ha seminato il terrore barricandosi nella scuola di San'Eraclio con una finta bomba. Ora la polizia di Foligno, su disposizione del Pubblico Ministero della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Spoleto, ha dato esecuzione alla misura cautelare degli arresti domiciliari con il braccialetto elettronico, nei confronti del 55enne. 

L'uomo si era barricato nella scuola della figlia. L'intero istituto era stato evacuato. Dopo una lunga trattativa, la polizia e il magistrato Alessandro Cannevale erano riusciti a far uscire il 55enne dalla scuola, che si era arreso senza opporre resistenza. All'origine del gesto, secondo quanto raccontato dall'uomo al procuratore, la disperazione per una separazione burrascosa. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Umbria, dramma in casa: uccide moglie e figlia e poi si toglie la vita

  • L'Umbria in tv, Linea Verde alla scoperta delle nostre meraviglie: quando vedere la puntata

  • Maltempo, il Comune di Perugia tiene chiuse scuole e Università: ordinanza del sindaco

  • Università di Perugia, premiati i migliori laureati del Dipartimento di Scienze Farmaceutiche: tutti i nomi

  • Spray urticante nei corridoi del Pieralli, nove ragazzi in ospedale per lesioni

  • Lo riconosce e lo accompagna dai carabinieri, ritrovato il giornalista Giovanni Camirri

Torna su
PerugiaToday è in caricamento